• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Test d’ammissione per Medicina e Odontoiatria e sbocchi occupazionali delle lauree nelle professioni sanitarie
Corsi di Laurea
 


Con un Decreto Ministeriale del 15 giugno 2011, il Miur ha reso note modalità e argomenti dell'esame di ammissione per i corsi di laurea delle facoltà di Medicina e Chirurgia. La novità sta nel fatto che il test è unico sia per i corsi di laurea in Medicina e Chirurgia che per quelli in Odontoiatria e Protesi dentaria. Il quiz si comporrà di 80 domande: 40 di cultura generale e ragionamento logico; 18 di biologia; 11 di chimica; 11 di fisica e matematica.

Le date sono quelle confermate già dal Ministero in un precedente Avviso del 28 aprile 2011: 5 settembre, Medicina e Chirurgia insieme a Odontoiatria; 6 settembre, Veterinaria; 8 settembre, Professioni Sanitarie. Non sono indicate le date per le Università non statali, che come consuetudine le definiscono in modo autonomo. Per superare il test d'ingresso bisognerà totalizzare almeno 20 punti, a prescindere dalla posizione ottenuta in graduatoria (Sole 24 Ore del 22 giugno 2011)

Il segretario della Conferenza dei corsi di laurea delle professioni sanitarie Angelo Mastrillo ha presentato di recente una relazione con i dati specifici delle 22 professioni sanitarie. Dalla relazione, ripresa da alcuni quotidiani (Italia Oggi del 9 giugno 2011 e Sole 24 Ore del 14 giugno 2011), si evidenzia come il tasso di occupazione dei laureati nelle professioni sanitarie a un anno dalla laurea sia dell'84%, molto più alto rispetto a quello delle altre tipologie di corsi di laurea. Prendendo le singole professioni, sono gli Infermieri ad avere la percentuale più alta di professionisti che lavorano a un anno dalla laurea (93%), seguiti dai Fisioterapisti (91%), dai Logopedisti (88%), gli Igienisti dentali (87%) e i Tecnici di radiologia (86%). Percentuali basse per gli Ostetrici (57%) e i Tecnici di fisiopatologia cardiocircolatoria (56%). Su questo aspetto vedi anche il Sole 24 Ore del 20 giugno 2011.

La regione italiana più produttiva di laureati che a un anno dalla laurea lavorano è il Piemonte (93%), seguito da Liguria, Veneto e Lombardia (92%) fino all'ultimo posto occupato dalla Calabria (63%). Dal punto di vista geografico, le regioni del Nord sfornano il 91% di laureati nelle professioni sanitarie, l'81% sono delle regioni del Centro, mentre il Sud è fermo al 75%. L'università italiana più prolifica di laureati che lavorano a un anno dal titolo è Padova con il 93,4%, seguita da Milano-Bicocca (93%), Milano San Raffaele (92,8%), Cagliari (92,8%), Genova (92,5%) e Torino (92,4%). La media d'incasso mensile a un anno dalla laurea per questi laureati è di oltre i 2 mila euro, che si contrappone ai poco più di mille delle altre professioni.

Altro dato importante è il proseguimento degli studi dopo l'ottenimento del titolo: tutti i laureati degli altri gruppi disciplinari proseguono gli studi con la specialistica, mentre solo il 3,2% dei laureati nelle professioni sanitarie continua con la specializzazione.

 

Danilo Gentilozzi
(giugno 2011)
 

(Fonte: Mail Mastrillo n. 7, 17 giugno 2011)

 

Sullo stesso argomento vedi i seguenti articoli su Universitas:

Facoltà di Medicina: pochi iscritti e sempre meno medici   

Necessario aumentare i posti nelle facoltà di medicina

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG