• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Unione europea: per Erasmus 2009/2010 superata la soglia dei 200 mila studenti
 


Nello scorso anno accademico gli studenti Erasmus complessivi sono stati 213.766 (+7,4% rispetto al 2008/2009), dei quali 177.705 hanno frequentato corsi di studio all'estero e 35.561 hanno effettuato esperienza presso aziende o organizzazioni oltre confine, optando per l'opportunità offerta nell'ambito delle Azioni previste, a decorrere dal 2007. Sulla base delle attuali tendenze, nel 2012/13 - a venticinque anni dall'adozione della misura comunitaria - oltre 3 milioni di studenti avranno potuto beneficiare dell'arricchimento del loro percorso universitario. È ormai dato comune che gli studenti Erasmus sono i più disponibili ad acquisire competenze aggiuntive (apprendimento linguistico, maggiore adattabilità e consapevolezza interculturale) apprezzate dal mondo del lavoro e a svolgere - nelle fasi successive della vita - un'attività lavorativa oltre i confini nazionali.

I dati statistici, presenti nel sito della Commissione Europea, sono riferiti ai 32 Paesi coinvolti (EU27, Croazia, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Turchia), cui da questa estate si aggiungerà la Svizzera, e riguardano ben 2.852 istituzioni universitarie europee coinvolte nello scambio di studenti e 2.154 interessate allo scambio dei docenti in una serie di attività che hanno apportato miglioramenti in termini di qualità, comparabilità e trasparenza dei corsi. Il saldo in entrata e in uscita dei borsisti, che in media hanno usufruito per un periodo di 4,2 mesi di un aiuto finanziario pari a 254 euro (-6,7% rispetto all'anno precedente), evidenzia l'importanza della lingua più o meno veicolare in cui sono impartiti gli insegnamenti. Spagna (31.158 in partenza e 35.389 in arrivo) e Francia (30.213 in partenza e 26.141 in arrivo) occupano entrambe la posizione di vertice sia per quanto concerne la partenza che l'accoglienza di studenti "Erasmus"; altrettanto bilanciato appare il saldo registrato in Italia (che mantiene la 5^ posizione in entrambe le direzioni dei flussi studenteschi), in Austria, in Grecia e in Slovenia; molti Stati hanno esportato più studenti di quelli accolti mentre Paesi "importatori netti" sono stati tutti i Paesi nordici, il Regno Unito (ha ospitato il doppio di studenti(22.700) rispetto a quelli esportati (11.723) e l'Irlanda. La partecipazione femminile (61%) ha nettamente superato quella maschile e le aree di studio più scelte sono risultate scienze sociali e scienze economiche e giuridiche (34,6%), seguite da lettere (32,9%) e ingegneria (12,5%). Più equilibrato lo scambio dei docenti, che hanno beneficiato in media per 5,8 giorni di una borsa pari ad 672 euro (-1,8% rispetto all'a.a. precedente), che ha largamente prescelto il nostro Paese, risultato una delle destinazioni più popolari anche da parte degli utilizzatori dei corsi specialistici nelle lingue meno diffuse.

 

Maria Luisa Marino

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG