• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Medio Oriente: il progetto di un nuovo sincrotrone che unisce scienziati e ricercatori di paesi in conflitto fra loro
 


Si chiama SESAME e ha già aperto linee di comunicazione fra Paesi che sono stati in guerra tra loro: la particolarità del progetto scientifico Synchrotron-light for Experimental Science and Applications in the Middle East (Sesame, ovvero Luce di Sincrotrone per Scienze sperimentali e applicate in Medio Oriente, ndr) patrocinato dall'Unesco e dall'Aiea risiede nel fatto che vede lavorare fianco a fianco scienziati e ricercatori di Israele, Iran e Autorità nazionale Palestinese così come provenienti da Bahrain, Cipro, Egitto, Giordania, Pakistan e Turchia

La Giordania ha messo a disposizione il terreno dove sorgerà il laboratorio per l'acceleratore di particelle che produrrà luce di sincrotrone, ovvero radiazioni elettromagnetiche di amplissima multidisciplinarietà e quindi con diverse applicazioni in campo medico diagnostico ed energetico, mentre gli altri otto Paesi stanno raccogliendo dai governi e dai privati i fondi necessari per mettere a regime la struttura, che avrà un costo di 8 milioni di dollari l'anno una volta entrati nella fase operativa e che potrebbe coinvolgere più di un centinaio fra scienziati, ricercatori e operatori. La Germania ha donato un acceleratore dismesso di particelle usato in passato a Berlino che verrà aggiornato per permettere di iniettare elettroni in un anello di accumulo lungo 133 metri, mentre altri Paesi europei e gli Stati Uniti hanno messo a disposizione altri materiali.

"L'idea del progetto Sesame è nata intorno al 2000 con l'obiettivo di realizzare in Medio Oriente ciò che ha fatto il Cern in Europa dopo la Seconda Guerra mondiale: sponsorizzare progetti di ricerca scientifici in Paesi che son stati in guerra fra loro per promuovere la pace" spiega a Universitas Giorgio Paolucci, responsabile dei Rapporti internazionali della Elettra Trieste, il laboratorio d'eccellenza per la produzione di luce di sincrotrone in Italia.  "La Giordania - continua - ha dato il buon esempio fornendo il terreno che si trova a circa 40 km da Amman. Ora anche gli altri Paesi stanno fornendo strumentazioni che, una volta aggiornati, permetteranno una collaborazione periodica e regolare. Devo dire - chiosa - che già adesso vedere lavorare insieme studiosi provenienti da Paesi in conflitto o comunque privi di rapporti diplomatici è davvero entusiasmante".

L'obiettivo principale resta quello di costruire ponti culturali e scientifici fra Paesi limitrofi attraverso la cooperazione internazionale, cercando di contrastare la fuga di cervelli dai Paesi del Medio Oriente e costruendo piuttosto opportunità di lavoro per ricercatori di vari campi, dalla fisica all'archeologia passando per la medicina e la chimica. Gli esperimenti dovrebbero iniziare nel 2015, una volta che siano stati trovati i 20 milioni di dollari necessari per avviare le operazioni. I costi dell'intero progetto supereranno i 110 milioni di dollari, compresi la costruzione dell'impianto e gli equipaggiamenti che verranno in parte donati da diversi laboratori produttori di radiazioni di sincrotrone del mondo. Il valore dell'investimento compiuto finora dalla Giordania, dagli altri 8 Paesi partecipanti e dall'Unione europea ammonta a circa 55 milioni di dollari.

 

Manuela Borraccino

 

(Fonte: University World News del 3 luglio 2011, Middle East: Sesame opens links)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG