• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Germania: aumentano le iscrizioni alle università
 


La Hochschulrektorenkonferenz (HRK), la conferenza dei rettori della Germania, ha stimato che ci sarà un ulteriore aumento degli accessi all'università nell'anno accademico 2011-2012 e seguenti in conseguenza delle recenti riforme introdotte negli ultimi anni dal governo federale, tra le quali spiccano la minore durata della scuola secondaria e la fine del servizio militare obbligatorio. Sono previste per il 2011-2012 le iscrizioni di circa 500 mila studenti, 60 mila in più rispetto all'anno accademico passato (440 mila).

Il numero delle iscrizioni è in costante ascesa dal 2007 e in questo ha giocato una carta fondamentale la divisione in tre cicli del sistema d'istruzione superiore secondo le indicazioni del Processo di Bologna. La Germania è stata spesso criticata dall'OECD per il basso numero d'iscrizioni all'università e l'introduzione del titolo di primo ciclo, il Bachelor, ha contribuito a incrementare il numero d'iscrizioni e, contemporaneamente, a riempire i "buchi" di professionisti di un determinato settore ed evitare l'importazione di laureati dall'estero. Per approfondimenti, http://www.hrk.de/95_2752.php.

Nel 2007 il governo federale e i governi dei Länd hanno sottoscritto un accordo, l'Hochschulpakts, che rimarrà in vigore fino al 2020 volto a garantire finanziamenti per le istituzioni e l'accesso alle università. La prima fase si è conclusa nel 2010; la seconda, il cui termine è previsto per il 2015, prevede la distribuzione di finanziamenti alle istituzioni per un totale di 275 mila posti (http://www.hrk.de/95_2756.php).

Per questa seconda fase, il governo federale ha contribuito con un finanziamento pari a più di 4 miliardi di euro. I 16 Länd assieme avrebbero dovuto coprire una spesa simile, ma non tutti hanno ad oggi contribuito con il loro finanziamento. Il motivo starebbe nel rischio paventato di un possibile abbassamento di qualità della ricerca universitaria dovuto a: sovraffollamento delle università; docenti attivi più nell'insegnamento che nell'attività di ricerca, per far fronte alla maggiore richiesta d'istruzione (http://www.hrk.de/95_2766.php ).

 

Danilo Gentilozzi

 

(Fonte: University World News del 24 luglio 2011, GERMANY: Universities set for huge surge of students)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG