• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Il Secondo Rapporto Federconsumatori sull’importo delle tasse negli atenei italiani
 


Il trend, già evidenziato nel primo rapporto, è rimasto identico: le Università del Nord sono risultate più care rispetto a quelle del Sud. Suddividendo i valori I.S.E.E. in cinque fasce (fino a 6.000 euro per la prima, fino a 10.000 per la seconda, 20.000 per la terza, 30.000 per la quarta e oltre 30.000 per la quinta), gli atenei del Nord sono stati più cari dell'8,22% rispetto alla media nazionale se si considera la prima fascia, del 15,54% per la terza, del 23,23% per la quinta.

L'indagine indica che l'Università di Parma è l'ateneo con le tasse più alte d'Italia: se si considerano i redditi della prima fascia, le tasse hanno toccato gli 890 euro circa per le facoltà umanistiche e poco più di 1000 euro per le facoltà scientifiche. Al secondo posto l'Università di Verona, con una spesa media di 642 euro per la prima fascia, e al terzo posto l'Università degli Studi di Milano.

L'Università "Aldo Moro" di Bari, al contrario, è risultato l'ateneo che ha applicato le tasse più basse: 290 euro sia per le facoltà scientifiche e umanistiche. L'università pugliese ha preceduto di poco l'Alma Mater - Università di Bologna, dove chi ha dichiarato un I.S.E.E. inferiore a 20 mila euro ha avuto tasse inferiori del 35% rispetto alla media nazionale (304 euro per facoltà umanistiche e scientifiche). La Puglia si è confermata la Regione in cui studiare costa meno, anche se è opportuno segnalare che in questa Regione l'importo della retta è dovuta al merito e che, in caso di votazione bassa o basso numero di crediti conseguiti, la tassa aumenta.

Rispetto al 2010, il rapporto Federconsumatori 2011 ha evidenziato una riduzione dei costi per gli studenti appartenenti alle prime due fasce (rispettivamente dell'1 e del 4%) e un incremento a carico degli appartenenti alla quarta e quinta fascia (+4 e +10%). I costi relativi alla terza fascia sono rimasti invariati.

Un aspetto interessante su cui si è soffermato il rapporto ha riguardato il costo dell'università per le famiglie, che si affianca al problema sempre più acuto dell'evasione fiscale: secondo i dati dei CAF, nel 2011 il 32% dei contribuenti ha dichiarato redditi inferiori ai 15.000 euro; ciò vuol dire che gli studenti si sono posizionati in prima o seconda fascia, pagando una tassa media di 515 euro, anche se le loro famiglie erano composte da lavoratori autonomi (es. ristoratori, gioiellieri, albergatori). L'evasione fiscale ha il dramma di parificare famiglie di lavoratori autonomi a famiglie al cui interno vivono semplici operai non specializzati. All'evasione fiscale si aggiungono i tagli al settore dell'istruzione, con il rischio concreto di avere sempre più studenti che si posizionano nelle prime fasce e l'assoluta mancanza di risorse da distribuire agli studenti bisognosi.


Per scaricare il rapporto: http://www.federconsumatori.it/ShowList.asp?cat=20&t=inews


Sul primo rapporto Federconsumatori leggi l'articolo dell'ottobre 2010 sul sito Universitas.

 

Danilo Gentilozzi

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG