• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
L’internazionalizzazione dell’istruzione superiore in Brasile
 


In Brasile si sta assistendo da circa tre decenni a un'insolita apertura verso il mondo esterno, che è partita dalla vita politica per arrivare a investire anche il settore dell'istruzione superiore. Tuttavia, rispetto agli standard europei e statunitensi, l'internazionalizzazione dell'istruzione superiore in Brasile è ancora a uno stadio iniziale, con enormi possibilità di sviluppo e di crescita.

Nel settore universitario, gli scambi internazionali sono rimasti per molto tempo limitati, circoscritti essenzialmente al transito di ricercatori che si recavano in Brasile o all'estero su base individuale. Un impulso fondamentale per il rafforzamento dei rapporti tra le istituzioni internazionali è stato dato da programmi di scambio e borse di studio finanziate direttamente dal governo brasiliano per incoraggiare il conseguimento di qualifiche accademiche all'estero. Queste ultime hanno determinato la mobilitazione di volumi piuttosto elevati di studenti in particolare verso gli USA, la Francia, il Regno Unito e la Germania.

A oggi, gli scambi internazionali riguardano principalmente le cosiddette "Università di ricerca", che anche a causa dell'attività congressuale che promuovono e a cui partecipano attivamente in tutto il mondo, intrattengono scambi con i ricercatori molto più intensi e proficui delle istituzioni ordinarie.

In queste istituzioni, il movimento è stimolato anche dall'attività di monitoraggio dell'agenzia federale brasiliana per la promozione e la valutazione dell'istruzione accademica, ossia il CAPES (Coordenação de Aperfeiçoamento de Pessoal de Nível Superior). Il suo compito è quello di valutare ogni tre anni i programmi di terzo livello rispetto agli standard internazionali: grazie a questo sistema di controllo l'istruzione superiore brasiliana risulta di altissimo livello, paragonabile ai parametri europei, con strumenti per la ricerca d'avanguardia specialmente nei settori scientifici quali la medicina, le telecomunicazioni, l'informatica e le fonti di energia sostenibile. Un'altra attività svolta dal CAPES rilevante per l'internazionalizzazione è la promozione della mobilità dello staff accademico a vari livelli e dei programmi di ricerca congiunti, tramite l'adesione ad accordi con università internazionali sulla base di call annuali[1].

La mobilità degli studenti rimane, al contrario, ancora molto limitata: per gli studenti incoming la barriera linguistica è un forte detrattore; mentre, sebbene quelli brasiliani preferiscano spostarsi verso paesi anglofoni, poiché l'inglese è la lingua straniera maggiormente insegnata nelle scuole, per loro rimane ancora oneroso studiare negli USA o in Europa, di conseguenza i loro spostamenti risultano piuttosto limitati. Per sopperire a questa limitazione, nel 2011 è stato avviato il programma "Science without Frontiers" che ha messo a disposizione 75 mila borse di studio (45 mila finanziate dal CAPES e 35 mila dal Consiglio Nazionale per lo sviluppo scientifico e tecnologico) per invogliare gli studenti delle materie scientifiche ad andare a studiare all'estero.

L'università brasiliana che ospita il numero più alto di studenti stranieri è la Pontificia Università Cattolica di Rio de Janeiro che ogni anno ne accoglie circa 1.000 provenienti prevalentemente dall'Europa e dagli USA. Molte università, ad oggi, non ricevono studenti internazionali e alcune riescono ad accoglierne soltanto 50. L'unica università brasiliana rientrata tra le prime duecento del ranking del Times Higher Education è stata l'Università di São Paulo.

 
Claudia Checcacci

 
(Fonte: AngloHigher, Volume 3, Issue 2, Summer 2011, The internationalization of higher education in Brasil)



[1] Un esempio di accordo di collaborazione di questo tipo può essere trovato a questo indirizzo Internet: http://www.capes.gov.br/cooperacao-internacional/reino-unido/doutorado-pleno-em-cambridge (in portoghese).

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG