• Forum: studi umanistici da difendere
  • A proposito di valutazione
  • I nuovi rettori
  • Il piano del Governo per l'università
  • Individuazione delle competenze
  • L'università liquida secondo Bauman
NOTIZIE DALL'ITALIA
18/12/2013
Corsi a numero programmato: riattivato con decreto MIUR il bonus maturità e pubblicata la nuova graduatoria degli idonei
06/12/2013
Il Cardinal Scola all’Università di Milano-Bicocca: università come luogo di formazione alla libertà
04/12/2013
Giovani & Lavoro: presentati i dati del rapporto Specula Lombardia
03/12/2013
La nuova giunta della CRUI
02/12/2013
Diritto allo studio universitario e corruzione: il fenomeno degli studenti “evasori” come nuovo campanello d’allarme
18/11/2013
Italia – Sud Mediterraneo: la cooperazione universitaria tra mobilità accademica e programmi congiunti
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
18/12/2013
Giappone: cresce il numero e la qualità della collaborazione nella ricerca con i paesi in via di sviluppo dell’Asia e dell’Africa
17/12/2013
OCSE PISA 2012: studenti asiatici al top, quelli italiani primeggiano nelle materie scientifiche
16/12/2013
Primo incontro internazionale dei centri di ricerca dell’istruzione superiore a Shanghai
29/11/2013
Unione europea: approvata dal Parlamento la proposta di Regolamento che istituisce Erasmus+
19/11/2013
Eurostat: lo stato di attuazione della Strategia Europa 2020 nei paesi membri, Italia in ultima posizione
05/11/2013
Germania: tre indagini analizzano la situazione economico-sociale e le buone prospettive occupazionali degli studenti universitari
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
USA: un'indagine sulla mobilità incoming e outcoming degli studenti
 


Se i cittadini statunitensi sono in difficoltà nella restituzione dei prestiti di studio, le università cercano di aumentare l'attrattività nei confronti degli studenti stranieri, soprattutto quelli provenienti dai Paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica). Lo rileva il Rapporto "Open Doors 2011 - Report on International Educational Exchange", pubblicato a metà novembre dall'Institute of International Education (IIE) in collaborazione con l'US Department of State's Bureau of Educational and Cultural Affairs. Secondo l'indagine, il numero degli studenti internazionali (723.277 in valori assoluti, dei quali il 45% donne) iscritti nel 2010 nei campus e nei college statunitensi è cresciuto del 5% rispetto all'anno precedente. Al primo posto per provenienza la Cina (+23% in media e +43% nei corsi bachelor), che per il quarto anno consecutivo ha conosciuto un aumento consistente, seguita nell'ordine dall'India (seppure con un lieve calo dell'1%) e dalla Corea. Congiuntamente, i tre Paesi rappresentano da soli quasi la metà (45%) del totale ospitato.

La crescita più significativa sul piano percentuale è quella dell'Arabia Saudita (44%), grazie alla politica del diritto allo studio attuata. È aumentato, di conseguenza, anche il numero degli stranieri che ha conseguito il titolo di studio finale (293.885 unità). La presenza degli studenti provenienti da altri paesi, inoltre, rappresenta una notevole fonte di guadagno nel settore servizi: un introito quantificabile in 21 miliardi di dollari per le tasse universitarie, ai quali si aggiungono ulteriori 3 miliardi di dollari per le spese correlate (vitto, alloggio, acquisto libri, assicurazione sanitaria, trasporto ecc.), di cui si giovano le economie locali oltre alle singole Università. Le Università della California (con 8.615  studenti stranieri), dell'Illinois (7.991 stranieri) e di New York (7.988) sono le più accoglienti; Economia, Ingegneria e Matematica le aree di studio più gettonate.

Nonostante la crisi economica, nel 2010 è aumentato il numero degli studenti USA all'estero, anche se per periodi piuttosto brevi (8 settimane in media) o per corsi estivi: 270.604 in valori assoluti (+3,9% rispetto all'anno precedente), una cifra più che triplicata negli ultimi venti anni, che però incide ancora molto poco (1%)  sul totale dei 20 milioni complessivamente iscritti. Regno Unito, Italia (27.940 gli studenti americani ospitati, pari al 10,3% all'intera migrazione studentesca), Spagna, Francia e Cina sono nell'ordine le mete più ambite, ma 15 delle prime 25 destinazioni si trovano fuori del Vecchio Continente e ben 19 riguardano Paesi non di lingua inglese. L'Europa rimane ancora la più prescelta, anche se il gradimento è diminuito in 10 anni dal 62% al 54%. Sta crescendo invece gradualmente l'attrattività dell'America Latina (15%), dell'Asia (12%), dell'Oceania (Australia, Nuova Zelanda e Isole del Sud Pacifico) (5%) e dell' Africa (6%).      

 
Maria Luisa Marino
(2 dicembre 2011)



Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG