• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
USA: un'indagine sulla mobilità incoming e outcoming degli studenti
 


Se i cittadini statunitensi sono in difficoltà nella restituzione dei prestiti di studio, le università cercano di aumentare l'attrattività nei confronti degli studenti stranieri, soprattutto quelli provenienti dai Paesi BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica). Lo rileva il Rapporto "Open Doors 2011 - Report on International Educational Exchange", pubblicato a metà novembre dall'Institute of International Education (IIE) in collaborazione con l'US Department of State's Bureau of Educational and Cultural Affairs. Secondo l'indagine, il numero degli studenti internazionali (723.277 in valori assoluti, dei quali il 45% donne) iscritti nel 2010 nei campus e nei college statunitensi è cresciuto del 5% rispetto all'anno precedente. Al primo posto per provenienza la Cina (+23% in media e +43% nei corsi bachelor), che per il quarto anno consecutivo ha conosciuto un aumento consistente, seguita nell'ordine dall'India (seppure con un lieve calo dell'1%) e dalla Corea. Congiuntamente, i tre Paesi rappresentano da soli quasi la metà (45%) del totale ospitato.

La crescita più significativa sul piano percentuale è quella dell'Arabia Saudita (44%), grazie alla politica del diritto allo studio attuata. È aumentato, di conseguenza, anche il numero degli stranieri che ha conseguito il titolo di studio finale (293.885 unità). La presenza degli studenti provenienti da altri paesi, inoltre, rappresenta una notevole fonte di guadagno nel settore servizi: un introito quantificabile in 21 miliardi di dollari per le tasse universitarie, ai quali si aggiungono ulteriori 3 miliardi di dollari per le spese correlate (vitto, alloggio, acquisto libri, assicurazione sanitaria, trasporto ecc.), di cui si giovano le economie locali oltre alle singole Università. Le Università della California (con 8.615  studenti stranieri), dell'Illinois (7.991 stranieri) e di New York (7.988) sono le più accoglienti; Economia, Ingegneria e Matematica le aree di studio più gettonate.

Nonostante la crisi economica, nel 2010 è aumentato il numero degli studenti USA all'estero, anche se per periodi piuttosto brevi (8 settimane in media) o per corsi estivi: 270.604 in valori assoluti (+3,9% rispetto all'anno precedente), una cifra più che triplicata negli ultimi venti anni, che però incide ancora molto poco (1%)  sul totale dei 20 milioni complessivamente iscritti. Regno Unito, Italia (27.940 gli studenti americani ospitati, pari al 10,3% all'intera migrazione studentesca), Spagna, Francia e Cina sono nell'ordine le mete più ambite, ma 15 delle prime 25 destinazioni si trovano fuori del Vecchio Continente e ben 19 riguardano Paesi non di lingua inglese. L'Europa rimane ancora la più prescelta, anche se il gradimento è diminuito in 10 anni dal 62% al 54%. Sta crescendo invece gradualmente l'attrattività dell'America Latina (15%), dell'Asia (12%), dell'Oceania (Australia, Nuova Zelanda e Isole del Sud Pacifico) (5%) e dell' Africa (6%).      

 
Maria Luisa Marino
(2 dicembre 2011)



Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG