• Forum: studi umanistici da difendere
  • A proposito di valutazione
  • I nuovi rettori
  • Il piano del Governo per l'università
  • Individuazione delle competenze
  • L'università liquida secondo Bauman
NOTIZIE DALL'ITALIA
18/12/2013
Corsi a numero programmato: riattivato con decreto MIUR il bonus maturità e pubblicata la nuova graduatoria degli idonei
06/12/2013
Il Cardinal Scola all’Università di Milano-Bicocca: università come luogo di formazione alla libertà
04/12/2013
Giovani & Lavoro: presentati i dati del rapporto Specula Lombardia
03/12/2013
La nuova giunta della CRUI
02/12/2013
Diritto allo studio universitario e corruzione: il fenomeno degli studenti “evasori” come nuovo campanello d’allarme
18/11/2013
Italia – Sud Mediterraneo: la cooperazione universitaria tra mobilità accademica e programmi congiunti
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
18/12/2013
Giappone: cresce il numero e la qualità della collaborazione nella ricerca con i paesi in via di sviluppo dell’Asia e dell’Africa
17/12/2013
OCSE PISA 2012: studenti asiatici al top, quelli italiani primeggiano nelle materie scientifiche
16/12/2013
Primo incontro internazionale dei centri di ricerca dell’istruzione superiore a Shanghai
29/11/2013
Unione europea: approvata dal Parlamento la proposta di Regolamento che istituisce Erasmus+
19/11/2013
Eurostat: lo stato di attuazione della Strategia Europa 2020 nei paesi membri, Italia in ultima posizione
05/11/2013
Germania: tre indagini analizzano la situazione economico-sociale e le buone prospettive occupazionali degli studenti universitari
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
L’Università italiana e i paesi BRIC: accordi, scambi, collaborazioni
 


Il mondo universitario italiano apre all'internazionalizzazione, con un'attenzione particolare ai Paesi dell'area BRIC (Brasile, Russia, India, Cina).


Brasile

Lo scorso 24 novembre è stata siglata un'Intesa tra le istituzioni brasiliane del Coordinamento di Perfezionamento del Personale di Livello Universitario (CAPES) e del Consiglio Nazionale dello Sviluppo Scientifico e Tecnologico con alcune Università e le istituzioni di ricerca italiane (tra le più importanti: Politecnico di Milano, Sapienza Università di Roma, Alma Mater Studiorum Università di Bologna). L'Italia si aggiunge così a USA, Francia, Regno Unito e Germania nel novero delle destinazioni di eccellenza strategiche per l'applicazione del Programma di mobilità Science without Frontiers. Entro il 2014 studieranno in Italia circa 6.000 studenti e ricercatori borsisti del Governo brasiliano (quasi un decimo dell'intera popolazione studentesca che beneficerà del programma).


Russia

È stato ospitato e promosso il 25 novembre dalla CRUI il 1° Forum dei Rettori delle Università russe e italiane nell'ambito dell'anno della cultura italo-russa. L'incontro ha riconosciuto l'importanza del ruolo svolto dal mondo universitario per il cambiamento nell'economia, nella società e negli stili di vita e ha preceduto di pochi giorni un secondo Forum italo-russo sulla collaborazione accademica umanistica, ospitato presso l'Università di Milano, che ha fatto il punto sui livelli d'internazionalizzazione già raggiunti.


Cina


Più tumultuosa la crescita quantitativa e qualitativa degli studenti cinesi nelle Università e nelle Istituzioni AFAM del nostro Paese: nel 2010 sono aumentati di 30 volte rispetto ai 7 anni precedenti, utilizzando i Programmi Marco Polo e Turandot; è soprattutto grazie al China Scholarship Council che è stata resa possibile l'apertura del mega Paese asiatico nei confronti dell'estero per formare talenti ad alto livello. La Cina figura al 3° posto tra i Paesi extra-comunitari con i quali l'Italia collabora a livello accademico con oltre 300 accordi. L'Italia è stata il "Country of Honor" del "China Education Expo", svoltosi il 15 e 16 ottobre 2011 a Pechino, che ha annoverato la presenza di 22 Atenei italiani ed ha rappresentato un'importante vetrina orientativa nei confronti degli studenti cinesi. Sulla base delle statistiche del Centro per gli scambi internazionali del Ministero dell'istruzione cinese, l'Italia è uno dei paesi che accoglie più studenti cinesi (circa 10.000 unità) dopo Usa, Francia e Germania. Stanno aumentando anche i laureati cinesi specializzati in lingua italiana e, nell'ambito del Programma esecutivo triennale di cooperazione italo-cinese in fase attuativa, è stato assunto l'impegno ad aumentare i corsi a livello dottorato e post-dottorato in campo scientifico e tecnologico. Gli indirizzi di studio maggiormente prescelti in passato hanno riguardato i settori dell'energia, della chimica, dell'ingegneria e soprattutto della fisica (quasi l'80% della cooperazione scientifica). 



Maria Luisa Marino
(7 dicembre 2011)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG