• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Collaborazioni accademiche internazionali: in Italia cresce l’interesse verso i titoli congiunti
Indagini
 


Click here to read this article in English


Un numero crescente di università sviluppa corsi che rilasciano titoli doppi o congiunti
. Questo è il risultato principale emerso da un rapporto dell'Institute of International Education - IIE intitolato "Joint and Duble Degree Programs in the global Context", che contiene i risultati di un'indagine condotta nella primavera del 2011 sulla valutazione del panorama esistente a livello globale in materia di titoli doppi e congiunti.

La mobilità riveste un ruolo chiave e rappresenta una priorità sentita da tutte le università del mondo: il 95% degli intervistati (245 rappresentanti istituzionali di università da 28 diversi paesi) ha dichiarato di aver intenzione di sviluppare titoli doppi o congiunti nel prossimo futuro, anche se solo il 55% ha una chiara politica istituzionale sullo sviluppo dei programmi congiunti e la percentuale di coloro che hanno sviluppato una specifica strategia di marketing scende al 45%. I paesi con i quali gli intervistati vorrebbero sviluppare nel futuro corsi congiunti sono: Cina, Stati Uniti, Francia, India e Germania.

Quasi tutti coloro che hanno risposto all'inchiesta hanno dichiarato di avere previsto l'aumento di titoli doppi o congiunti nella propria strategia d'internazionalizzazione. Il dato è molto importante, perché l'aumento del numero di corsi congiunti strutturati darà un aiuto fondamentale alla soluzione di tutti i problemi legati alla mobilità studentesca, quale ad esempio il riconoscimento dei crediti.

Il rapporto dello IIE contiene anche un esame delle tendenze specifiche dei sei paesi da cui è giunto il maggior numero di risposte all'inchiesta, tra cui figura anche l'Italia con più del 16% dei contributi (gli altri 5 sono: Stati Uniti 60%, Germania 56%, Francia 36%, Australia 15% e Regno Unito 11%).

Per quanto riguarda il livello dei corsi congiunti esistenti, in Australia il maggior numero di corsi congiunti si è registrato per i corsi di dottorato, negli Stati Uniti per i corsi di primo livello (undergraduate), mentre in Europa (Germania, Italia; Regno Unito) per i corsi di livello master. In Italia in particolare ben il 58% dei corsi registrati è di livello master e appena il 6% interessa il primo livello di studi.

Per l'Italia è interessante notare che dei 26 programmi congiunti dichiarati dalle università partecipanti, 11 prevedono il rilascio del titolo congiunto e 15 il titolo doppio. Le università italiane che hanno risposto al sondaggio hanno sviluppato corsi congiunti principalmente con la Francia, ma anche con istituzioni spagnole e tedesche. In misura minore con Paesi Bassi e Stati Uniti. La scelta dei partner è avvenuta, nella maggior parte dei casi, sulla base dei contatti internazionali già esistenti. In generale, la maggior parte dei corsi congiunti registrati è nel settore del "business and  management"; a seguire i corsi d'ingegneria e in materia di scienze sociali. Nel dettaglio, in Italia e Francia prevalgono i corsi congiunti in ingegneria, mentre in Australia, Stati uniti e Germania quelli in "business and management". Caso a parte per il Regno Unito, in cui prevalgono i corsi in scienze sociali.

 

Manuela Costone
(dicembre 2011)

 

Per avere informazioni sui titoli congiunti e doppi, visita il sito del CIMEA (che contiene un database dei corsi congiunti organizzati dalle università italiane) e il sito del Punto nazionale di contatto per l'Italia.

 

Sul numero 122 della rivista Universitas uscirà l'articolo sul rapporto dell'IIE, qui sintetizzato, nella versione completa.

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG