• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Germania: ottime prospettive di lavoro per i giovani laureati
 


Secondo una ricerca dell'HIS-HF, agenzia di statistiche dell'istruzione superiore, in Germania la disoccupazione tra i laureati a un anno dal conseguimento del titolo è al 4%, inferiore al tasso medio nazionale del 5,9%.

L'indagine - condotta nel 2009 tra più di 10.000 laureati - evidenzia che mentre il 4% degli studenti in possesso del tradizionale Diplom, Magister o Staatsexamen conseguito in un ateneo o in una Fachhochschule non ha ancora trovato lavoro dopo un anno, i laureati di primo livello hanno un tasso di disoccupazione del 2% se provenienti dall'università o del 3% se dalle Fachhochschule.

Emerge la prevalenza di coloro che a un anno dalla laurea hanno proseguito gli studi, solitamente con un master (il 77% dei laureati di primo livello e il 53% dei diplomati a una Fachhochschule). Secondo quanto affermato da gran parte degli intervistati, tuttavia, non è la mancanza di lavoro ad averli spinti a continuare, bensì un reale desiderio di approfondire le proprie conoscenze. Molti laureati di primo livello che non hanno proseguito negli studi sono riusciti nell'immediato ad accedere a una professione, mentre il 7% dei diplomati delle Fachhochschule ricopriva posizioni al di sotto del proprio livello di qualifica.

Nel periodo preso in esame si registra un sostanziale aumento degli stipendi degli impiegati full time: il reddito medio annuale dei neoassunti si aggira intorno ai 33.000 euro, raggiungendo i 37.250 euro per i diplomati delle fachhochschule e i 37.500 euro per i laureati universitari. Si rilevano differenze significative tra i dottori in medicina, al vertice della classifica con poco meno di 50.000 euro, e i laureati in materie umanistiche, fanalino di coda con 27.000 euro.

 

Elena Cersosimo
(9 gennaio 2012)

 

(Fonte: GERMANY: Good job prospects for graduates, da University World News del 10 novembre 2011)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG