• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
E-teaching – Scenari didattici e competenze dei docenti nell’evoluzione del web
Maria Cinque
 


Palumbo, Palermo-Firenze 2011, pp. 158, € 17,50

E-teaching: parola quasi inutilizzata dalle nostre parti (è sufficiente, per rendersene conto, fare una ricerca su Google limitandosi ai soli siti in italiano) a tutto vantaggio dell’abusatissimo termine e-learning, che tecnicamente definisce l’apprendimento per via telematica, e non l’insegnamento con i medesimi strumenti tecnologici. Intorno a questa parola ruota tutto il lavoro di Maria Cinque, brillante ricercatrice, che analizza nei minimi dettagli un fenomeno in costante ascesa destinato a rivoluzionare il modo di fare didattica. E-teaching – Scenari didattici e competenze dei docenti nell’evoluzione del web, edito da Palumbo, afferma un concetto inconfutabile: un docente non può più prescindere dalle nuove tecnologie come Internet se vuole stare al passo con i tempi e di quei dispositivi può servirsi, in modo efficace, per arricchire la propria offerta formativa, come nel caso del “blended learning”. In alternativa, la Rete può diventare veicolo esclusivo dell’insegnamento somministrato a distanza. Niente di nuovo sotto il sole, si potrebbe dire: come ricorda l’autrice, anche il libro – medium che si avvia a diventare “fossile” – educa “in remoto”; la novità rappresentata dal web sta nell’interazione che avviene in tempo reale tra chi istruisce e chi impara o, al contrario, nella possibilità – in assenza di uno scambio sincrono – di usufruire dei contenuti delle lezioni nel momento ritenuto più conveniente dall’allievo. Altri vantaggi risiedono nella multimedialità, cioè nella disponibilità di file audio, video o d’immagine a corredo del testo; nell’opportunità di dialogare con l’insegnante tramite chat o di comunicare con lui mediante una webcam; nel controllo esercitabile sui progressi compiuti da ogni utente (monitoraggio della consultazione dei contenuti, esiti delle verifiche e superamento di ogni tappa del processo di apprendimento).
L’autrice attraversa tutta la materia con disinvoltura, esaminando la storia della formazione a distanza, i vantaggi e gli svantaggi dell’e-learning, i suoi risvolti pedagogici; dedica un intero capitolo ai metodi e agli strumenti informatici con i quali si realizza questa teledidattica di terza generazione (come lei stessa ricorda, citando Dal Fiore e Martinotti, venuta dopo i corsi per corrispondenza prima e i materiali audiovisivi e i Cd Rom poi); affronta il tema dell’evoluzione dell’e-teaching in funzione delle innovazioni che si generano online, quali i social network, il blogging e il microblogging (come Twitter) o il podcasting, cioè lo scarico di file multimediali. Infine, traccia – nelle battute finali della sua documentata ricerca – un identikit dell’e-teacher: «È consapevole del costante impatto delle ICT sull’apprendimento, sulla scuola e sulla società ed è capace di costruire una visione/filosofia personale dell’apprendimento e della pedagogia adatta a una società della conoscenza. Questo implica il raggiungimento di una maturità personale e intellettuale da parte dell’insegnante, che richiede anni per realizzarsi». Un compito arduo, dunque, ma necessario per muoversi adeguatamente in uno scenario didattico che cambia costantemente.
Livio Frittella
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG