• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Consultazione online sulle qualifiche professionali in Europa
Politiche europee
 


Il Dipartimento delle Politiche europee ha deciso di lanciare una consultazione pubblica sulla proposta di revisione della Direttiva 2005/36/CE sul riconoscimento delle qualifiche professionali adottata dalla Commissione Europea, che si propone di facilitare la mobilità tra i cittadini dell'UE a fini professionali.

Tale proposta è il risultato di una consultazione pubblica avviata due anni fa e conclusasi nel giugno 2011 con la pubblicazione di un Libro verde che raccoglie opinioni e suggerimenti sulla modernizzazione della direttiva sul riconoscimento delle qualifiche professionali, che figura tra le dodici leve per la crescita previste dall'Atto per il mercato unico (IP/11/469).

Le prime riunioni del Consiglio UE per discutere la proposta di modifica della direttiva si sono tenute il 25 gennaio, il 12 e 28 marzo 2012 e un'altra è prevista per il 19 aprile. A maggio la proposta dovrebbe essere discussa dal Consiglio competitività dell'Unione Europea: l'obiettivo è di ottenere il consenso politico sulla proposta entro il 2012.


La proposta intende semplificare le regole per la mobilità dei professionisti all'interno dell'UE. Tra gli aspetti innovativi:

- la tessera professionale europea, che facilita il riconoscimento delle qualifiche professionali, favorendo nel contempo la mobilità temporanea;

- l'accesso parziale, che permette di esercitare la propria attività in uno Stato membro diverso dal proprio, ma solo nel settore corrispondente a quello per cui si è qualificati nel paese di origine;

- i requisiti minimi di formazione per medici, dentisti, farmacisti, infermiere, ostetriche, veterinari e architetti, sono aggiornati per tenere conto dell'evoluzione di tali professioni e dei relativi percorsi formativi.

Gli Stati membri, inoltre, dovranno rivedere tutte le professioni regolamentate, eliminando le professioni che non sono più regolamentate sul loro territorio e valutando se la regolamentazione vigente per ogni determinata professione possa essere "giustificata". Il campo di applicazione viene esteso anche ai notai.

Per quanto riguarda i riconoscimenti in base al sistema generale, i livelli di qualifica previsti dall'attuale articolo 11 diventeranno punti di riferimento per la sola comparazione delle qualifiche, non per valutare se accogliere o meno una domanda di riconoscimento.

Viene abolito il requisito dell'esperienza professionale di due anni (richiesto attualmente ai prestatori di servizi degli Stati membri in cui la professione in questione non è regolamentata), nel caso in cui il prestatore di servizi accompagni il destinatario del servizio.

Infine, la Commissione europea ha introdotto il quadro di formazione comune, un nuovo regime di riconoscimento automatico con cui si intende un insieme comune di conoscenze, capacità e competenze necessarie per l'esercizio di una determinata professione. In tal modo sarà possibile ottenere una maggiore automaticità nel riconoscimento delle qualifiche attualmente coperte dal sistema generale.

 

Per partecipare alla consultazione pubblica, scrivere all'indirizzo:
nuovadirettivaqualifiche@politicheeuropee.it.
I contributi saranno pubblicati sul sito del Dipartimento, previa autorizzazione degli autori.


 

Isabella Ceccarini
(aprile 2012)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG