• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Agenzia delle Entrate: chiarimenti sull’applicazione dei benefici fiscali per i lavoratori all’estero che ritornano in Italia
 


Con la circolare 14/E del 4 maggio 2012, l'Agenzia delle Entrate ha fornito i chiarimenti interpretativi sulle modalità applicative delle agevolazioni fiscali per incentivare il rientro in patria dei lavoratori italiani all'estero.

A quasi un anno e mezzo dall'approvazione parlamentare, il provvedimento scioglie i dubbi attuativi della complessa normativa, contenuta nella Legge n. 238 del 30/12/2010 e in numerosi altri decreti, che finora ne avevano di fatto impedito l'efficacia. In particolare, le linee guida focalizzano vari aspetti chiave: identificazione dei beneficiari, requisiti, portata degli incentivi, decorrenza e decadenza. Il regime di parziale detassazione del reddito imponibile ai fini delle imposte sui redditi per un periodo di cinque anni - dal 2011 al 2015 - sarà dell'80% per le donne e del 70% per gli uomini. Potranno beneficiarne i cittadini dell'Unione Europea, nati dopo il 1° gennaio 1969, che, dopo aver risieduto continuativamente per almeno 24 mesi in Italia, abbiano "maturato esperienze culturali e professionali all'estero", studiando, lavorando o conseguendo una specializzazione post lauream fuori del Paese di origine e dall'Italia. L'agevolazione sarà sottoposta a decadenza nell'eventualità che il beneficiario "trasferisca nuovamente la propria residenza o domicilio all'estero prima del decorso di cinque anni dalla data della prima fruizione".

La circolare evidenzia che il termine "assunzione" assorbe sia le attività di lavoro dipendente che quelle che per il Fisco producono "redditi assimilati", fattispecie quest'ultima in cui rientrano anche le somme ricevute a titolo di borse di studio. Non vengono posti limiti anche in ordine all'oggetto della mansione lavorativa svolta nel nostro Paese, che non pregiudica il godimento del beneficio, anche se non attinente all'attività di studio o di lavoro compiuta all'estero. ? essenziale invece che le effettive attività oltre i confini possano essere validamente dimostrate dalla documentazione rilasciata o vidimata dall'autorità consolare ovvero da idonea documentazione in italiano o in inglese quali ad esempio permessi di soggiorno, visti d'ingresso e di uscita dal Paese estero, contratti di locazione di immobili e di utenze, certificazioni di frequenza del corso di studi.

Nell'ottica di incoraggiare anche l'acquisizione altrove di qualificate risorse umane, viene chiarito inoltre che "i redditi di lavoro dipendente o autonomo dei docenti e dei ricercatori che vengano a svolgere la loro attività in Italia, acquisendo la residenza fiscale nel territorio dello Stato, sono imponibili ai fini delle imposte dirette per il 10% e non concorrono alla formazione del valore della produzione netta dell'imposta regionale sulle attività produttive (IRAP)".

 

Luigi Moscarelli
(9 maggio 2012)

 

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG