• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Occupabilità dei laureati all’82 percento entro il 2020
Politica europea
 


Il Consiglio dei ministri dell'Unione Europea ha fissato nella misura dell'82% il nuovo obiettivo da raggiungere entro il 2020 per l'occupabilità dei laureati UE della fascia di età 20-34 a tre anni dalla fine della formazione.

Tale obiettivo si riferisce a un tasso medio, in quanto non sarà raggiungibile da tutti i paesi comunitari nello stesso periodo, ma dimostra la volontà di garantire all'Europa una competitività a livello mondiale, senza la quale andrà incontro a un inevitabile declino.

Secondo le stime di Bruxelles, entro la fine del decennio il 35% dei posti di lavoro richiederà un titolo di istruzione superiore. La strategia Europa 2020 punta a rilanciare l'economia nel prossimo decennio attraverso la realizzazione di cinque obiettivi tra loro interconnessi da conseguire sia a livello a nazionale che europeo (occupazione, ricerca e innovazione, istruzione, lotta alla povertà e integrazione sociale, cambiamento climatico ed energia), e ciò sarà possibile solo attraverso il potenziamento dell'istruzione e della formazione: per quella data la percentuale dei laureati in Europa dovrà raggiungere il 40%.

I laureati sono formati al pensiero critico e analitico, dimostrano flessibilità, hanno capacità di innovazione e di autoapprendimento: un bagaglio importante per i giovani che si affacciano su un mercato del lavoro in costante cambiamento, che richiederà loro di aggiornarsi e adattarsi a carriere diverse nell'arco della vita.

Le statistiche confermano che i laureati hanno maggiori possibilità di trovare lavoro, e soprattutto di trovarlo più remunerativo rispetto a chi ha qualifiche di livello inferiore; nonostante questo, però, è anche vero che circa il 10% dei laureati ha un'occupazione inferiore alla propria qualificazione e che la disoccupazione femminile supera quella maschile.

Nessuno, per ora, sa predire quale impatto avrà l'attuale clima di generale recessione sul finanziamento dell'istruzione superiore, sulla partecipazione all'istruzione e più in generale sui servizi agli studenti.

 

Isabella Ceccarini
(12 giugno 2012)

 

(Fonte: University World news - 18 maggio 2012, EU ministers raise graduate employability benchmark)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG