• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Trends in Student Aid 2011
College Board, Usa 2011
 


Trends in Student Aid è un rapporto annuale, pubblicato dal 1983, che documenta l’aiuto pubblico agli studenti universitari negli Stati Uniti. Un impegno che è aumentato negli ultimi tempi, in proporzione al prezzo dei college, sempre più alto rispetto ai guadagni delle famiglie che, anche in un periodo di crisi economica, non vogliono rinunciare all’educazione post secondaria per i propri figli, nella convinzione che il successo dipenda dalla frequenza al college. Lo Stato appoggia questa ambizione con prestiti, borse di studio, benefici fiscali.
Il rapporto dimostra come nel 2011 il ricorso agli aiuti sia in crescita per vari motivi: la persistente crisi delle famiglie, la difficoltà a mantenere il posto di lavoro, i risparmi andati in fumo a causa del crollo della Borsa e l’aumento delle tasse universitarie.
Nel 2011 le famiglie hanno fatto sempre più ricorso ai benefici fiscali. Trends in Student Aid dimostra, con tabelle e grafici, quanto l’amministrazione Obama sia orientata a sostenere economicamente gli studi post secondari. Per esempio i Pell Grants, borse di studio che conferiscono sino a 5.500 dollari all’anno a studente, nel 2010 sono aumentati del 67%.
Nel 2009 con il credito d’imposta American Opportunity è cambiata totalmente la distribuzione dei sussidi. Come risultato, le tasse a credito e le deduzioni sono aumentate dell’80% tra il 2007-08 e il 2010-11.
Nel 2010-11 sono stati spesi quasi 230 miliardi di dollari tra borse di studio, prestiti, e riduzione delle tasse. In più, gli studenti hanno avuto prestiti personali per 8 miliardi dai governi locali e dai privati. Nel 2010-2011 il 46% delle borse di studio proviene dal governo federale. Solo 10 anni prima era il 29%. Anche per i prestiti la prima fonte è il governo federale.
Investire in cultura è d’obbligo. La forma preferita è la borsa di studio perché non deve essere restituita. Però ci sono molte forme di prestito agevolato, tutte analizzate da questo studio. Inoltre, ce ne sono alcuni – Stafford Loans e Perkins Loans – i cui interessi sono interamente pagati dagli Stati durante la frequenza nei college.
Marialuisa Viglione
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG