• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Istat e Almalaurea: indagini sulla situazione occupazionale dei laureati
Statistiche
 


Nel 2011, a 4 anni dalla laurea e a un anno dal conseguimento del titolo magistrale, i laureati occupati risultano essere solo il 58,2% del totale. Lo evidenzia l'indagine dell'ISTAT "I laureati e il lavoro. Indagine 2011 sui laureati del 2007", che conferma i risultati del "XIV Rapporto Almalaurea sulla condizione occupazionale dei laureati". Rispetto alla precedente edizione del 2004, l'Istat ha evidenziato la riduzione della quota degli occupati (dal 73,2% nel 2007 al 71,5% nel 2011) e l'aumento del numero di coloro che sono ancora alla ricerca di un lavoro (dal  13,5  nel 2007 al 15,2% nel 2011).


In difficoltà i laureati del Mezzogiorno


Si acuisce il divario territoriale Nord - Sud, sia nell'ambito dell'attività lavorativa  che - secondo Almalaurea - nella lievitazione del differenziale delle retribuzioni. A distanza di 4 anni - quasi un laureato al Sud nel 2007 su tre (27%), è risultato ancora impegnato a trovare un'attività. Tra gli occupati, circa il 30% di coloro che prima della laurea vivevano al Sud, è emigrato e inserito in attività lavorative nel Centro Nord.

 
Requisiti per accedere all'occupazione professionale

Per entrare nel mondo del lavoro, ciò che principalmente conta è la specializzazione tecnologica delle imprese e il livello di istruzione degli imprenditori. Gioca un effetto non secondario la tipologia di laurea conseguita: tra le lauree, trovano facilmente lavoro i laureati dei corsi afferenti alle classi delle professioni sanitarie infermieristiche e ostetriche (circa il 95% è occupato). Tra le lauree magistrali, i risultati occupazionali migliori spettano ai corsi di ingegneria meccanica, gestionale ed elettronica; architettura; ingegneria edile; scienze economico - aziendali. Situazione più critica, con tassi occupazionali inferiori al 40%, per i laureati di scienze biologiche, scienze della terra, lettere e filosofia e per i dottori magistrali dei corsi dei gruppi biologico e letterario.  

    
Calano le retribuzioni

Nel periodo 2010-2011, evidenzia Almalaurea, sono calate anche le retribuzioni medie (€1.105 mensili netti per i laureati di 1° livello, €1.050 per i laureati dei corsi a ciclo unico e €1.080 per i laureati di secondo livello), che hanno perso ulteriormente potere d'acquisto rispetto alle precedenti rilevazioni del 2007 e del 2010. Sono diventate più frequenti le forme contrattuali a tempo determinato e interinale, il lavoro parasubordinato e il lavoro nero, dimostrando ulteriormente che i giovani stentano a diventare protagonisti del necessario ricambio generazionale. Non a caso, tra gli elementi più appaganti del lavoro svolto, prevale l'indicazione degli aspetti ideali (grado di autonomia nel lavoro, mansioni svolte e possibilità di carriera) rispetto al trattamento economico.

 

L'importanza della laurea è evidenziata dalle statistiche internazionali di Eurostat, dell'OCSE, e di  Eurydice, che mostrano come i laureati risultino in definitiva meno penalizzati dei diplomati nel trovare un'occupazione (+11%).            

 

Maria Luisa Marino
(giugno 2012)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG