• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
European Migration Network: pochi studenti internazionali nelle università italiane
 


Nonostante siano aumentati del 160% nel decennio 2003-12 (da 25.246 a 64.704 unità), l'incidenza degli studenti internazionali nelle università italiane sul totale resta bassa (3,6%) rispetto alla media dell'UE 27 (8,6%) e ai numeri registrati nel Regno Unito (21,6%) e in Germania (10,7%).

È quanto emerge dal Seminario internazionale The student route - Studenti internazionali: presenza e impatto, organizzato l'8 giugno nell'Università Ca' Foscari di Venezia dallo European Migration Network (EMN) in collaborazione con il Ministero dell'Interno. Il seminario ha evidenziato come i Paesi caratterizzati da un più vivace dinamismo economico siano anche quelli con un maggior numero di studenti internazionali. Infatti la mobilità estera - che nel nostro Paese conta 1 presenza ogni 22 immatricolati, 1 ogni 26 iscritti e 1 ogni 37 laureati - non ricalca nella stessa misura quella per lavoro e in gran parte prescinde dagli accordi di cooperazione interuniversitaria.

Provenienza

La graduatoria per nazionalità di provenienza vede prevalere soprattutto gli studenti europei e gli asiatici (in espansione gli studenti cinesi). Tale graduatoria include solo in misura ridotta coloro che appartengono alle collettività più rappresentate (fa eccezione l'Albania), ma caratterizzate da una minore propensione allo studio; spesso riguarda aree geografiche dalle quali sono originati flussi di richiedenti asilo politico.

 
Città preferite

Il Centro Italia catalizza oltre un terzo del totale (soprattutto Roma, Firenze e Pisa oltre alle Università per Stranieri di Perugia e di Siena); nelle altre aree del Paese, al Nord sono preferite nell'ordine Milano, Torino, Bologna, Padova; al Sud, Bari e Napoli. Secondo stime UCSEI (Ufficio Centrale Studenti Esteri), si concentrano a Roma circa 10.000 iscritti nelle università pontificie.

 
Settori disciplinari prescelti

Economia e Medicina e Chirurgia raccolgono da sole oltre la metà delle preferenze e una notevole richiesta riguarda la laurea in Scienze Infermieristiche, molto ambita anche dagli italiani. L'area letteraria raccoglie invece soltanto un decimo delle opzioni. 

 
Durata degli studi

Oltre un decimo dei visti rilasciati dal Ministero dell'Interno nel 2011 hanno riguardato periodi compresi tra i 3 e i 6 mesi, utilizzati presumibilmente per seguire corsi di lingua italiana o aggiornamenti di breve durata.

 

Incrociando i dati sui visti e quelli del MIUR, si calcola che il 10,9% degli iscritti abbia conseguito il diploma conclusivo dell'istruzione secondaria superiore in un luogo non specificato, il 31% in Italia (include gli stranieri già presenti per altri motivi nel nostro Paese) e il 58%, pari a 36.886 unità, all'estero. In effetti, sarebbero solo questi ultimi i veri studenti internazionali, nell'accezione del termine, e sarebbero loro a mantenere in vita il sistema d'istruzione superiore (stime della VI Indagine Eurostudent e di quella specifica della Fondazione Leone Moressa) con una contribuzione di 71 milioni di euro per tasse universitarie, 22 milioni circa per acquisto di libri e materiale didattico, 70 milioni per alloggio e spese accessorie, 115 milioni per trasporto, 16 milioni per alimentari e abbigliamento e 30 milioni per il tempo libero. A questo apporto economico si aggiunge quello generato dalla qualificazione di coloro che decidono di restare dopo il conseguimento del titolo, da non sprecare in attività non in linea con il loro profilo educativo.

 

Luigi Moscarelli
(2 luglio 2012)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG