• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Usa: gli studenti universitari nella bolla dei prestiti
 


Secondo un recente rapporto della Federal Reserve Bank di New York, il passivo totale degli studenti statunitensi supera ormai i mille miliardi di dollari.

Ormai sono numerosi gli studenti che non ce la fanno più a sostenere questa spirale di istruzione pagata a debito e un post laurea caratterizzato da un lavoro sempre più precario. Non a caso se un tempo erano in molti che, con quello spirito ottimista tipicamente americano, di buon grado chiedevano prestiti sapendo che sarebbero stati in grado di ripagarli, ora la maggioranza ci pensa due volte prima di sobbarcarsi 40 mila dollari di debiti.

La verità è che gli ultimi dati sul lavoro mostrano come nel mese di maggio siano stati creati solamente 69 mila posti di lavoro e la disoccupazione sia salita all'8,2%, che il costo medio dell'università è ormai arrivato a 31 mila dollari annui e tra quelli che se la possono permettere c'è una maggiore competizione data la volontà di molti laureati di tornare all'università per migliorare le proprie qualità e avere così più chance nel mercato del lavoro attuale.

Anche se di bolla si tratta, bisogna evidenziare che le sue caratteristiche sono diverse da quelle che hanno messo in ginocchio l'economia mondiale in seguito al crack, nel 2008, del gigante finanziario Lehman Brothers. Prima di tutto, il volume complessivo del debito studentesco è dieci volte inferiore a quello del trade finanziario sul debito subprime; in secondo luogo, le conseguenze sull'economia americana sarebbero soltanto indirette. Infatti, se durante la crisi del 2008 una famiglia non era più in grado di pagare le proprie rate sul mutuo, nel peggiore dei casi poteva - come appunto è successo - restituire le chiavi in mano alle banche una volta dichiarata bancarotta. "Il caso degli studenti è diverso" (spiega Andrew Ross, docente di sociologia della New York University, n. d. r.). "Perché ciò che questi acquisiscono tramite il debito è conoscenza, un prodotto inalienabile della persona e che non può essere restituito agli istituti di credito una volta dichiarato default".

Non a caso per la legge americana un individuo deve per forza ripagare il proprio debito studentesco, pena un credit rating negativo che non permette poi di accedere ad altre forme di finanziamento. E sembra proprio questo lo scenario che un numero sempre maggiore di studenti sarà costretto ad affrontare. Secondo le ultime stime pubblicate dal network televisivo americano Cbs, la percentuale di studenti che dichiara default è arrivato quest'anno al 16,8% tra i cosiddetti dropout (quelli che hanno mollato prima della fine, il 40% del totale), mentre tra gli altri la percentuale è del 3,7%.

Le conseguenze? Secondo Ross gli scenari possibili sono due. Il primo è che un minor numero di persone deciderà di iscriversi all'università (...). Il secondo è quello del consumo. (...) se gli studenti, una volta laureati, hanno sempre meno capacità di acquisto, è difficile che l'America si rimetta in moto. E di conseguenza anche l'Europa.

 

Riadattamento dall'originale a cura di Danilo Gentilozzi

(10 luglio 2012)
 

(Fonte: "Europa" del 21 giugno 2012, articolo di Alberto Mucci)

 

Articoli correlati nel sito UNIVERSITAS:

USA: annunciato un piano per ridurre i debiti agli studenti e per contrastare l'aumento delle tasse universitarie

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG