• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Tasse universitarie e prestiti agli studenti: indagine nei paesi Ue
Diritto allo studio
 


È stata pubblicata la prima edizione del rapporto Eurydice National Student Fee and Support Systems 2011/12[1]. Esso è un vademecum per orientarsi nel panorama delle tasse universitarie pagate dagli studenti in Europa e delle misure nazionali per sostenerli, nonché uno strumento particolarmente utile anche per la mobilità studentesca. L'iniziativa sarà d'ora in poi ripetuta ogni anno per fare il punto sulle modifiche eventualmente intervenute.

In generale le tasse universitarie sono più consistenti per chi proviene da Paesi non-UE e per tutti sono più elevate a seconda dei cicli di studio: dai risultati del rapporto emerge un aumento sostanzioso per il titolo Master (corsi di 2°ciclo o laurea magistrale) ove sono mantenute anche nella fattispecie degli Stati che le hanno eliminate al 1° livello.

Le differenze più forti riguardano tre elementi, tra loro strettamente compenetrati.

Tasse universitarie

Non sono previste soltanto in 9 Paesi: Austria, Cipro (1°livello), Danimarca, Finlandia, Grecia, Malta (1°livello), Norvegia, Regno Unito (solo Scozia 1°livello) e Svezia. Dal 2012/13 però anche 2 Lander tedeschi (Baviera e Bassa Sassonia) su 14 hanno deciso di introdurle. La misura più elevata è nel Regno Unito, con valori oscillanti dal 1° settembre 2011 tra 6.000 e 9.000 sterline. Nell'Irlanda del Nord l'ammontare di  £3.465 è stato abbinato alla sola inflazione corrente; nel Galles invece il costo aggiuntivo per i nazionali è coperto a livello pubblico anche nel caso di studi effettuati altrove.


Quote degli studenti che pagano le tasse


In larga parte l'onere è distribuito sull'intera popolazione studentesca e grava sulla maggioranza degli iscritti in 7 Paesi: Belgio (Comunità francese), Estonia, Francia, Ungheria, Italia, Lettonia e Romania. In altri 4 (Croazia, Germania, Lituania e Slovenia) grava soltanto su una parte di essi.


Sistema dei prestiti e le forme di sostegno


In 16 dei 34 Paesi esaminati (soprattutto quelli nordici, quelli dell'Est europeo, Inghilterra e Turchia) i prestiti vengono contratti da oltre il 5% della popolazione studentesca e costituiscono una delle principali forme di sostegno. Svolgono un ruolo di primo piano anche gli assegni familiari e le agevolazioni fiscali. Generalmente i Paesi nordici privilegiano interventi di aiuto ai singoli studenti, altrove sono maggiormente prese in considerazione le condizioni economiche della famiglia di origine.

 

Luigi Moscarelli
(settembre 2012)




[1] Il Rapporto è stato elaborato per la Commissione Europea dalla Rete Eurydice, coordinata da Education Audiovisual and Culture Executive Agency (EACEA) e composta dalle unità nazionali dei 27 Paesi membri, oltre a quelle di Croazia, Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Serbia, Svizzera e Turchia.

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG