• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Proposta di Raccomandazione per il riconoscimento delle competenze extra-accademiche
Unione europea
 


Il 5 settembre 2012 la Commissione europea ha pubblicato una Proposta di Raccomandazione del Consiglio sulla convalida dell'apprendimento non formale e informale, basata su uno studio di valutazione d'impatto.

Tale proposta di Raccomandazione (che dovrebbe essere approvata entro il 2012), prevede che tutti gli Stati membri istituiscano, entro il 2015, sistemi nazionali per la convalida dell'apprendimento non formale e informale, connessi allo European Qualifications Framework.

L'iniziativa, frutto di un'indagine realizzata tra dicembre 2010 e febbraio 2011, nasce dall'esigenza di dare risalto alle competenze acquisite fuori dall'ambiente accademico tradizionale. Una parte importante dell'apprendimento, infatti, avviene nel luogo di lavoro, con la partecipazione alle organizzazioni della società civile o nell'ambiente virtuale di internet e dei dispositivi mobili. La globalizzazione e l'interconnessione stanno inoltre rendendo sempre più importante l'apprendimento informale grazie alle tecnologie che consentono agli individui di apprendere in molti modi diversi, ad esempio mediante risorse educative aperte e l'apprendimento a distanza.

La convalida dell'apprendimento non formale e informale è parte dell'agenda politica europea fin dal 2001, quando la Commissione ha definito l'apprendimento permanente come qualsiasi attività di acquisizione di competenze intrapresa nelle varie fasi della vita al fine di migliorare le conoscenze, le capacità e la preparazione pratica in una prospettiva personale, civica, sociale e/o occupazionale. Sono seguite numerose iniziative a livello europeo (Europass, ECTS, EQF); da ultima, la strategia Europa 2020 ha sottolineato la necessità di aumentare i percorsi di apprendimento flessibili e ha considerato la convalida dell'apprendimento non formale e informale un prerequisito a tal fine.

Nonostante siano oggetto di politiche europee specifiche, i progressi nel campo della convalida sono stati diseguali, irregolari e lenti in tutta Europa. Secondo l'ultimo aggiornamento dell'inventario europeo del 2010 sulla convalida dell'apprendimento non formale e informale, solo quattro Stati membri hanno un sistema evoluto di convalida; altri sette, tra cui anche l'Italia, hanno un sistema nazionale in fase iniziale o un sistema consolidato ma parziale in uno o più settori.

La presenza disomogenea di politiche e pratiche di convalida nazionali e le disparità tra Stati membri riducono la comparabilità e la trasparenza dei sistemi di convalida, rendendo difficile per i cittadini la relazione tra i risultati di apprendimento acquisiti in contesti, livelli e paesi diversi. La mobilità transnazionale di studenti e lavoratori viene così ostacolata proprio nel momento in cui è ancor più necessaria per stimolare la crescita economica.

I membri dei principali gruppi e le altre parti interessate nei settori istruzione e formazione, occupazione, gioventù e sport sono stati invitati a partecipare all'indagine e a presentare un documento che illustrasse la loro posizione sul tema dell'apprendimento non formale e informale. I risultati hanno messo in evidenza una mancanza generale di coerenza negli approcci alla convalida tra gli Stati membri e al loro interno, nonché un gran numero di vincoli all'attuazione efficace della convalida nella pratica. Allo stesso tempo, le risposte hanno mostrato un consenso generalizzato sull'importanza di rendere visibili le competenze acquisite nell'arco della vita e mediante l'esperienza lavorativa, con un ampio sostegno all'iniziativa europea sul rafforzamento delle politiche di convalida e della loro applicazione negli Stati membri.

 

Manuela Costone
(ottobre 2012)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG