• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
College Radio Day: celebrata la prima diretta mondiale delle radio universitarie
Studenti - Iniziative
 


Il 2 ottobre 2012 la radiofonia universitaria internazionale si è data appuntamento sul web per festeggiare la prima giornata mondiale delle college radio. Sono 584 le radio universitarie in rappresentanza di 29 Paesi, che hanno partecipato al College Radio Day - CRD, evento che celebra questi media e li porta alla ribalta, oggi, internazionale.

Il CRD nasce con l'intento di celebrare i valori di cui le radio universitarie sono un baluardo e una testimonianza preziosa: la libertà di pensiero e di espressione, la pluralità nel sistema dei media, il confronto come principio democratico per la crescita e l'arricchimento di una comunità. Incubatori di creatività, laboratori di comunicazione, canali di servizio, le radio universitarie formano ogni anno decine di migliaia di studenti (oltre mille in Italia), mettendo al centro delle proprie attività la didattica e la promozione della cultura in tutte le sue espressioni e declinazioni possibili.

Per dare visibilità a questo fenomeno Rob Quicke, docente di comunicazione radiofonica alla William Paterson University nel New Jersey e station manager della locale college radio WPSC FM, ha lanciato l'idea di una giornata celebrativa. Nel 2011 l'evento è stato sperimentato su scala americana. Quest'anno la portata è stata globale, grazie al contributo di reti e associazioni di varie nazionalità unite in un'unica maratona online di 24 ore. Ai microfoni si sono alternati studenti americani, messicani, canadesi, colombiani, svedesi, francesi, britannici e, ovviamente, italiani. L'Italia ha avuto, per di più, un ruolo da protagonista dell'intera manifestazione. Il network dei media universitari Ustation.it ha assunto il coordinamento generale della maratona in collaborazione con l'associazione degli operatori radiofonici RadUni. La regia tecnica, inoltre, è stata seguita dai giovani studenti di Unica, la web radio degli universitari di Cagliari. Il tutto è stato possibile anche grazie al supporto di Top-IX, il consorzio piemontese per l'Internet Exchange.

A riprova della rilevanza di questo evento è giunta - pochi giorni prima della maratona - alla redazione di Ustation.it una lettera del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che porgeva il suo saluto e plauso alla rete italiana in occasione di una manifestazione così interessante.

Nell'arco delle 24 ore, nelle 3 ore dedicate all'Italia sono state protagoniste tutte le 23 radio universitarie tricolore aderenti al CRD e parte del network Ustation/Raduni. A guidarle, in rappresentanza, gli speaker di Unis@und, la web radio dell'Ateneo di Salerno e RumoreWeb, dell'Università di Modena - Reggio Emilia. Durante la slot italian si è, poi, parlato di progetti, nuovi che vedranno collaborare in maniera ancora più intensa le antenne italiane. Su tutti Webirradiando, promosso proprio dall'associazione Unis@und dell'Università di Salerno, e finanziato dal Ministero della Gioventù, che potenzierà gli scambi e la produzione di contenuti condivisi nel circuito nazionale ed europeo.

Le radio universitarie italiane, nonostante la giovane età - la prima, infatti, è nata a Siena nel 2000 - stanno continuando a crescere soprattutto da un punto di vista qualitativo; nonostante la crisi e la scarsa istituzionalizzazione questi media hanno valorizzato la propria identità di medium in-formativo e comunitario, sottolineando lo spirito aggregativo e professionalizzante. Oggi, in Italia, si contano circa 35 progetti considerati attivi a fronte dei 51 mappati nel 2008, anno di esplosione del fenomeno. Raduni, l'associazione degli operatori dei media universitari italiani, attiva dal 2006 prosegue nella sua strada di rappresentanza e promozione mentre dal 2009 il progetto Ustation.it le si affianca al fine di contribuire a sostenere questi progetti.

Il College Radio Day, nel frattempo, ha sancito la vocazione internazionale del movimento italiano che proprio in questi giorni si trova a Salamanca, per firmare un accordo di scambio e sostegno tra le radio universitarie italiane e quelle spagnole.

 
Per riascoltare la maratona:
http://www.ustation.it/dossier/college-radio-day-2012
 



Tiziana Cavallo

(ottobre 2012)

 

Articoli correlati nel sito UNIVERSITAS:
Una voce d'Europa nelle web-radio universitarie italiane
 
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG