• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Studenti meridionali: la scelta della facoltà universitaria è ancora influenzata dalla volontà dei genitori
 


Al 70% dopo il diploma scelgono l'università, spesso seguono il consiglio dei genitori per seguire corsi standard (giurisprudenza, medicina, economia), non conoscono le nuove professioni richieste dal mercato e sono disposti a tutto, tranne che a frequentare un corso di formazione extra-universitario. Questo è l'identikit degli studenti del Sud Italia in base ai dati raccolti dagli organizzatori del salone OrientaSud, che quest'anno giunge alla tredicesima edizione (Napoli, 11-13 ottobre 2012).

Nella scelta degli studi universitari, gli studenti del Sud si lasciano spesso influenzare dai genitori sul luogo di studio e sul tipo di facoltà. Preferiscono corsi di natura scientifica e sociale alle lauree umanistiche, anche se non rifiutano del tutto l'idea di iscriversi a una facoltà letteraria. L'importante è che la scelta comporti grandi potenzialità sul fronte professionale.

Il Sud non offre molti corsi di specializzazione extra-accademici nelle nuove professioni richieste dal mercato del lavoro. Per questo gli studenti meridionali preferiscono affidarsi all'insegnamento universitario, piuttosto che cercare un percorso di studi differente. La formazione universitaria è vista come unica possibilità per emergere e trovare un lavoro redditizio; l'unico problema è orientarsi tra oltre 5 mila corsi di studio.

Quale potrebbe essere una soluzione? "La nostra proposta", spiega Mariano Berriola, presidente di OrientaSud, "è quella di provare a cambiare l'offerta didattica scolastica, rendendola più aderente ai bisogni dei ragazzi; ad essi vanno forniti, sin dalle aule scolastiche, gli strumenti più idonei per arrivare con più competenze e maggiore consapevolezza al momento della scelta che condizionerà il loro futuro. Mai come in questo periodo i ragazzi hanno bisogno di fiducia, di poter pensare in positivo a un loro progetto di vita, di studio e di lavoro".

 

Danilo Gentilozzi
(10 ottobre 2012)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG