• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Il complesso sistema della tassazione universitaria
Diritto allo studio
 


Recenti indagini condotte dalle principali Associazioni dei consumatori (Adiconsum e Federconsumatori), utilizzando i dati presenti sui siti degli Atenei, hanno monitorato il complesso sistema della tassazione universitaria nell'anno accademico in corso alla luce delle significative innovazioni, introdotte dal D.Lgs.68/2012 sul Diritto allo studio e dalla Spending Review.

Rilevato un aumento medio delle contribuzioni studentesche (+11,3 per la I fascia reddituale), è emerso un quadro fortemente differenziato per sede e per area geografica con un corposo divario Nord e Sud: gli Atenei settentrionali sono più cari e mediamente superano del 16,7% l'imposizione minima prevista da quelli meridionali e addirittura del 43% quella per le fasce reddituali più elevate. Una vera e propria giungla di distinzioni, differenziazioni e parametri, che cercano di graduare il costo di tasse, contributi e spese ulteriori in base ai criteri di reddito, merito, consistenza del nucleo familiare, condizione sociale e lavorativa, distanza dell'abitazione, regime di iscrizione part time o fuori corso.

È emerso, ad esempio, che l'Università di Parma conserva il primato dell'Ateneo pubblico più costoso in assoluto (minimo di € 1.047,74 per le Facoltà scientifiche, € 931,92 per quelle umanistiche). La meno cara è l'Università de L'Aquila, che applica soltanto la tassa regionale e l'imposta di bollo pari ad € 155. All'Università di Milano le tasse variano da un minimo di € 795 ad un massimo di € 3.788; all'Alma Mater Studiorum - Università  di Bologna l'oscillazione varia da € 155 a € 3.983 e più in particolare l'importo medio per i corsi meno bisognosi di contributi per i laboratori (lettere, economia, giurisprudenza, lingue e psicologia) è di € 1.417 per salire a € 1.690 per architettura e medicina fino a € 1.995 e € 2.900 per le lauree magistrali. 

Allo stesso modo alcuni Atenei hanno scelto di correlare il merito all'onere contributivo (ad es. l'Università di Bari, in cui una votazione medio-bassa o un basso numero di crediti si traduce in un aumento della tassazione; all'Università degli Studi di Trieste una votazione alta riduce l'ammontare della contribuzione) ovvero hanno adottato specifiche misure per agevolare l'iscrizione a corsi di laurea di interesse nazionale  ed europeo (D.M. 12/1/2005, prot. 2): ad es. l'Università di Firenze prevede forme di rimborso parziale agli iscritti dell'area Chimica, Fisica, Matematica e Statistica; Siena applica a tali tipologie formative le meno onerose contribuzioni stabilite per le Facoltà umanistiche.

Non è univoco neppure il comportamento delle singole sedi universitarie nei confronti degli studenti ritardatari, categoria che comprende sia i ripetenti - che non hanno frequentato gli insegnamenti per i quali sono richiesti specifici attestati di frequenza - e sia i fuori corso - che, nel termine previsto, non hanno superato i relativi esami di profitto ed acquisito i prescritti crediti formativi. Alcune Università (ad es. Firenze, Pisa, Siena, Piemonte Orientale, Trieste, Udine) hanno scelto - almeno per quest'anno - di non applicare importi differenziati ai fuori corso mentre altre li hanno previsti: Sapienza - Università di Roma richiede un aumento del 50% ai fuori corso dal 3° anno, come aveva già sperimentato prima della recente normativa.

 


Maria Luisa Marino
(novembre 2012)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG