• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Lavoro all’estero, gli studenti Erasmus lo considerano più facile
Mobilità
 


L'86% degli studenti europei che hanno usufruito di una borsa di studio Erasmus sono "soddisfatti o molto soddisfatti" dal soggiorno e circa il 75% si dichiara "soddisfatto o molto soddisfatto" dalla qualità dei loro studi o stages all'estero. Più del 97% considera l'esperienza Erasmus un vantaggio per il mercato del lavoro, a cominciare dall'aver imparato lingue straniere e dall'aver studiato o lavorato in un ambiente interculturale. È questa la fotografia scattata dal 7° rapporto (anno 2011) "Scambio, occupazione e valore aggiunto" pubblicato dall'Erasmus Student Network.

Effettuato su un campione di 21.000 studenti tra i 21 e i 24 anni, il Rapporto di quest'anno  esplora le aspettative lavorative di chi ha studiato all'estero: quale contributo può portare l'Erasmus all'aumento della mobilità lavorativa nell'Eurozona e alla riduzione della disoccupazione giovanile?

Il campione è stato suddiviso in due gruppi: il 71% ha studiato all'estero in media per un semestre, mentre del restante 29% che è rimasto in patria il 52% ha intenzione di partire, il 30% ancora non lo sa e il 18% esclude di chiedere una Borsa di studio Erasmus.

Per la maggior parte di questi studenti, l'aver studiato all'estero è considerato un asset strategico nella ricerca di lavoro, anche lontano dalla patria: lo considerano decisamente un vantaggio e, se potessero scegliere, tra i Paesi di destinazione preferiti figurano la Gran Bretagna (10,5%) e gli Stati Uniti (10,2%), seguiti da Germania, Francia e Spagna.

Il 60% degli studenti esprime la volontà di lavorare in un campo dove non ha alcuna esperienza mentre la metà degli intervistati (il 49%) vorrebbe lavorare in un settore diverso da quello dei loro studi. Più del 97% degli interpellati considera l'Erasmus un valore aggiunto per la ricerca del lavoro: "studiare all'estero allarga le opportunità di carriera individuale attraverso la costruzione di network, l'apprendimento di lingue straniere e il rafforzamento della fiducia in se stessi" affermano gli studenti. Secondo il rapporto il soggiorno Erasmus cambia anche le abitudini ambientali: dopo aver usato per mesi trasporti pubblici o biciclette, gli studenti tornano a casa con la consapevolezza che "la qualità dei servizi offerti in certi Paesi ha un impatto sulle scelte dei cittadini".

I Paesi che vengono scelti più spesso come destinazione sono Spagna (13,4%), Francia (9,7%), Germania (8,9%) e Regno Unito (7,3%): segue l'Italia con un certo distacco (5,9%). I primi quattro sono gli stessi Paesi di destinazione degli stage: il 21% degli interpellati ha infatti effettuato un semestre all'estero secondo l'Erasmus Placement, e lo ha fatto in Spagna (11,6%), Germania (10,9%), Francia (10,3%) e Regno Unito (9,2%). C'è da notare che il gruppo maggiore di intervistati viene dall'Italia (il 12,1%) seguiti dal Belgio (10%) e dalla Spagna (8,5%). Le aree disciplinari di provenienza sono Economia e Commercio (12,8%), seguiti da Ingegneria (11,3%) e da Lingue e Scienze umanistiche (10,9%).

Per quanto riguarda il rapporto fra mercato del lavoro e mobilità, i relatori sottolineano che tra i motivi che frenano gli studenti rispetto al lavorare all'estero vi sono "il possesso di immobili, impegni economici e legami personali nei Paesi di origine", e questo vale sia per gli studenti Erasmus che per quelli che non hanno mai studiato all'estero e non hanno alcuna intenzione di farlo: un segno, rimarca il Rapporto, che occorrerebbe promuovere di più la mobilità studentesca ad uno stadio iniziale degli studi per costruire nei giovani un approccio maggiormente dinamico e flessibile rispetto alla decisione di andare a lavorare nei Paesi dove c'è più richiesta di personale qualificato.



Manuela Borraccino
(novembre 2012)

 

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG