• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Lavoro all’estero, gli studenti Erasmus lo considerano più facile
Mobilità
 


L'86% degli studenti europei che hanno usufruito di una borsa di studio Erasmus sono "soddisfatti o molto soddisfatti" dal soggiorno e circa il 75% si dichiara "soddisfatto o molto soddisfatto" dalla qualità dei loro studi o stages all'estero. Più del 97% considera l'esperienza Erasmus un vantaggio per il mercato del lavoro, a cominciare dall'aver imparato lingue straniere e dall'aver studiato o lavorato in un ambiente interculturale. È questa la fotografia scattata dal 7° rapporto (anno 2011) "Scambio, occupazione e valore aggiunto" pubblicato dall'Erasmus Student Network.

Effettuato su un campione di 21.000 studenti tra i 21 e i 24 anni, il Rapporto di quest'anno  esplora le aspettative lavorative di chi ha studiato all'estero: quale contributo può portare l'Erasmus all'aumento della mobilità lavorativa nell'Eurozona e alla riduzione della disoccupazione giovanile?

Il campione è stato suddiviso in due gruppi: il 71% ha studiato all'estero in media per un semestre, mentre del restante 29% che è rimasto in patria il 52% ha intenzione di partire, il 30% ancora non lo sa e il 18% esclude di chiedere una Borsa di studio Erasmus.

Per la maggior parte di questi studenti, l'aver studiato all'estero è considerato un asset strategico nella ricerca di lavoro, anche lontano dalla patria: lo considerano decisamente un vantaggio e, se potessero scegliere, tra i Paesi di destinazione preferiti figurano la Gran Bretagna (10,5%) e gli Stati Uniti (10,2%), seguiti da Germania, Francia e Spagna.

Il 60% degli studenti esprime la volontà di lavorare in un campo dove non ha alcuna esperienza mentre la metà degli intervistati (il 49%) vorrebbe lavorare in un settore diverso da quello dei loro studi. Più del 97% degli interpellati considera l'Erasmus un valore aggiunto per la ricerca del lavoro: "studiare all'estero allarga le opportunità di carriera individuale attraverso la costruzione di network, l'apprendimento di lingue straniere e il rafforzamento della fiducia in se stessi" affermano gli studenti. Secondo il rapporto il soggiorno Erasmus cambia anche le abitudini ambientali: dopo aver usato per mesi trasporti pubblici o biciclette, gli studenti tornano a casa con la consapevolezza che "la qualità dei servizi offerti in certi Paesi ha un impatto sulle scelte dei cittadini".

I Paesi che vengono scelti più spesso come destinazione sono Spagna (13,4%), Francia (9,7%), Germania (8,9%) e Regno Unito (7,3%): segue l'Italia con un certo distacco (5,9%). I primi quattro sono gli stessi Paesi di destinazione degli stage: il 21% degli interpellati ha infatti effettuato un semestre all'estero secondo l'Erasmus Placement, e lo ha fatto in Spagna (11,6%), Germania (10,9%), Francia (10,3%) e Regno Unito (9,2%). C'è da notare che il gruppo maggiore di intervistati viene dall'Italia (il 12,1%) seguiti dal Belgio (10%) e dalla Spagna (8,5%). Le aree disciplinari di provenienza sono Economia e Commercio (12,8%), seguiti da Ingegneria (11,3%) e da Lingue e Scienze umanistiche (10,9%).

Per quanto riguarda il rapporto fra mercato del lavoro e mobilità, i relatori sottolineano che tra i motivi che frenano gli studenti rispetto al lavorare all'estero vi sono "il possesso di immobili, impegni economici e legami personali nei Paesi di origine", e questo vale sia per gli studenti Erasmus che per quelli che non hanno mai studiato all'estero e non hanno alcuna intenzione di farlo: un segno, rimarca il Rapporto, che occorrerebbe promuovere di più la mobilità studentesca ad uno stadio iniziale degli studi per costruire nei giovani un approccio maggiormente dinamico e flessibile rispetto alla decisione di andare a lavorare nei Paesi dove c'è più richiesta di personale qualificato.



Manuela Borraccino
(novembre 2012)

 

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG