• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Firmato il decreto MIUR che consente lo scambio di professori e ricercatori tra Atenei ed enti di ricerca
 


Università ed enti pubblici di ricerca potranno scambiarsi professori e ricercatori.

Lo stabilisce il decreto ministeriale firmato nei giorni scorsi dal Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, Francesco Profumo, che definisce la Convenzione quadro tra atenei ed enti pubblici di ricerca per consentire a professori e ricercatori universitari a tempo pieno di svolgere attività di ricerca presso un ente pubblico e ai ricercatori di ruolo degli enti pubblici di ricerca di svolgere attività didattica e di ricerca presso un'università.

Le convenzioni potranno avere una durata minima di un anno, con possibilità di rinnovo fino a cinque anni. Con l'accordo del professore o del ricercatore interessato, la convenzione determinerà la ripartizione dell'impegno annuo e delle attività da svolgere presso l'ente o l'ateneo di destinazione, con particolare riferimento agli (eventuali) impegni didattici. Sulla base di queste informazioni saranno poi definite le modalità di ripartizione degli oneri stipendiali. Per l'intera durata della convenzione sarà corrisposto al professore o ricercatore il trattamento economico e previdenziale ricevuto presso l'ente o l'ateneo di appartenenza.

Potranno sottoscrivere convenzioni gli enti di ricerca vigilati dal Miur, le università statali (compresi gli istituti universitari a ordinamento speciale), le università statali legalmente riconosciute, le università straniere e i centri internazionali di ricerca. Il decreto prevede anche il divieto di stipulare contemporaneamente più convenzioni che riguardino lo stesso ricercatore o professore e di avviare procedure per la posizione ricoperta dallo stesso soggetto interessato.

«Una maggiore relazione tra il sistema delle università e degli enti di ricerca - ha spiegato il ministro Profumo - consente un miglioramento del sistema formativo nazionale e un rafforzamento della capacità della ricerca italiana nella competizione europea, anche in previsione delle sfide e delle possibilità di recuperare risorse investite dal nostro Paese in Europa». E aggiunge: «La possibilità di double appointment per professori di altri paesi consente di avviare un percorso virtuoso per il sistema delle università italiane, verso una maggiore attrattività internazionale e un possibile miglioramento della qualità del nostro sistema universitario».

Il Presidente della Crui, Marco Mancini, sottolinea che «il decreto firmato dal Ministro è il risultato di un lavoro proficuo svolto all'interno della consulta Epr-Crui. Si tratta di un importante passo avanti nei processi di armonizzazione tra Università ed enti, in funzione di una più stretta collaborazione per la ricerca e lo sviluppo di questo Paese».

 



Andrea Lombardinilo
(06 dicembre 2012)

 

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG