• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Rethinking education: più laureati in materie tecnico-scientifiche per aumentare l’occupazione
Unione europea
 


Il 20 novembre 2012 la Commissione UE ha lanciato la nuova Strategia "Ripensare l'istruzione"("Rethinking education") per sollecitare gli Stati membri a un radicale cambiamento di impostazione nel campo dell'istruzione, dando maggiore rilievo ai risultati dell'apprendimento, alle conoscenze, alle abilità e alle competenze acquisite dagli studenti, rispetto alla quantità di tempo passata nel sistema d'istruzione. In otto punti vengono, tra l'altro, auspicati nuovi e più forti legami tra il mondo accademico e il mondo del lavoro, portando l'impresa nelle aule scolastiche per incoraggiare le abilità imprenditoriali e lo spirito d'iniziativa giovanili, facendo ricorso anche a forme di partenariato fruttuose per entrambe le realtà.

Da queste nuove abilità dipende la capacità per l'Europa di incrementare la produttività, che non può prescindere dal migliorato standard dei sistemi di istruzione nazionali. Attualmente nell'UE a 27, mentre la disoccupazione interessa mediamente un giovane su quattro (23%), si contano ben 2 milioni di posti vacanti per mancanza dei requisiti richiesti.

La nuova Strategia indica perciò un numero di priorità strategiche, con effetto moltiplicatore degli sforzi nazionali:

1) sviluppo di un'istruzione e formazione professionale di eccellenza;

2) promozione dell'apprendimento sul lavoro anche con tirocini di qualità per periodi di apprendistato e modelli di apprendimento duale;

3) promozione di partenariati tra istituzioni pubbliche e private per garantire l'adeguatezza dei curricula e delle abilità trasmesse;

4) promozione della mobilità attraverso il Programma Erasmus for all.

In particolare per il settore universitario viene raccomandato agli Stati membri di incentivare il numero dei laureati in Scienze, Matematica e Tecnologia. Un esame comparato mostra, infatti, lo spread negativo, che penalizza al riguardo il nostro Paese: l'Italia può contare in queste discipline solo 12 laureati ogni 1.000 giovani in età 20/29 anni, rispetto ai 20 della Francia, ai 15 della Germania e ai 14 della Spagna. Un quadro praticamente sovrapponibile a quello relativo agli studenti universitari per settori disciplinari, come si può notare dalla Tabella seguente.

 

Laureati per settori disciplinari (Italia, Francia, Germania e Spagna) - anno 2011:

SETTORE DISCIPLINARE

ITALIA

FRANCIA

GERMANIA

SPAGNA

MEDIA UE

Educazione

6%

1,5%

9,3%

14,5%

9,6%

Lettere e materie artistiche

17%

10,3%

16,5%

8,7%

11,5%

Scienze sociali, economiche e giuridiche

33,5%

41,6%

22,4%

26,8%

35,7%

Matematica, Scienze e Tecnologia

22,7%

26,2%

25,7%

24,9%

21,9%

Agraria e Veterinaria

1,5%

1,5%

1,5%

1,7%

1,6%

Medicina

16%

14,9%

21,6%

15,4%

15,1%

Servizi

3,2%

4%

3%

8%

4,2%

Fonte: elaborazione dati da "Commission Staff Working Document" del 20/11/2012



                                                                     

Luigi Moscarelli
(dicembre 2012)

 
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG