• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Francia: firmata la carta per la parità uomo-donna nel sistema universitario
 


Il 28 gennaio 2013 è stata adottata in Francia la Charte pour l'égalité des femmes et des hommes, sottoscritta da Genévieve Fioraso e Najat Vallaud-Belkacem, rispettivamente Ministri dell'Università e delle Pari Opportunità, congiuntamente ai  Capi delle tre Conferenze - dei Presidenti di Università (CPU), delle Scuole di Ingegneria (CDEFI) e delle Grandes Ecoles (CGE)  - in rappresentanza di 300 istituzioni di insegnamento superiore.

Il numero delle studentesse oltrepassa abbondantemente quello dei maschi, ma la presenza femminile diminuisce proporzionalmente all'innalzarsi della loro posizione gerarchica all'interno del sistema universitario: secondo le più recenti statistiche le donne costituiscono il 24% dei docenti, il 27% dei membri del Comité central, l'8% dei Dirigenti e il 15% del personale in servizio nei poli della ricerca universitaria. E dal 2008 al 2012 si è dimezzato il numero delle donne Presidenti di Università, passato da 16 a 8. Anche le scelte disciplinari studentesche francesi, peraltro non dissimili dalle nostre, denotano tendenze in funzione del sesso: più orientate le ragazze verso le aree linguistiche, delle arti e delle scienze umane e sociali; maggiormente rivolti i ragazzi verso l'area scientifica. Sul piano internazionale - con la media del 43% raggiunto nel 2009 -  la Francia si posiziona ad di sotto della media OCSE (46%) in relazione alle presenze femminili tra i laureati, appena davanti a Paesi Bassi e Belgio, ma dietro l'Islanda (63%), gli Stati Uniti (52%) e il Regno Unito (45%).

Entro la primavera il piano d'azione avviato sarà seguito e consolidato dalla prevista adozione degli idonei provvedimenti legislativi per rendere effettiva la parità uomo-donna nei rapporti contrattuali, nella promozione  dell'insegnamento sulle parità da inserire in tutte le discipline e nelle azioni di prevenzione e di lotta alla violenza.


 

Maria Luisa Marino
(18 febbraio 2013)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG