• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Diminuisce il flusso di mobilità verso l'estero degli studenti britannici e statunitensi
Mobilità
 


Quali sono i motivi che dissuadono gli studenti britannici e statunitensi dallo studiare all’estero? Il British Council ha analizzato il fenomeno nella ricerca Broadening Horizons: Breaking through the barriers to overseas study per capire le cause di questa tendenza. Le risposte sono state raccolte su un campione di 10.800 studenti nel periodo ottobre-dicembre 2012.
In cima alla lista, un accesso inadeguato alle informazioni sulle opportunità di studio all’estero e la convinzione che i costi siano superiori a quelli del proprio paese (anche se gli studenti britannici stanno cominciando a convincersi del contrario, dato il consistente aumento delle tasse universitarie nel Regno Unito).

Un dato che emerge subito dalla ricerca è la differenza di motivazioni tra i due gruppi di studenti: i britannici vogliono studiare all’estero soprattutto per acquisire le competenze necessarie a costruirsi una carriera nelle compagnie internazionali (la preferenza va agli studi di livello undergraduate e postgraduate), gli statunitensi considerano questa esperienza un’opportunità per viaggiare, conoscere culture diverse e secondariamente per crearsi un curriculum internazionale (il livello prescelto è l’undergraduate). Questi, inoltre, ritengono che un periodo all’estero sia un modo per sviluppare le soft skills e arricchire il proprio bagaglio di conoscenze non accademiche.

I risultati della ricerca smentiscono l’assunto secondo cui gli anglofoni hanno scarsa dimestichezza con le lingue straniere: quattro studenti su cinque dichiarano di non avere difficoltà a usare una lingua diversa dalla propria, e sette delle dieci destinazioni preferite sono paesi non anglofoni. Tuttavia, il 29% degli studenti britannici sceglie come prima meta gli USA (seguiti da Australia e Canada, entrambi attestati al 10%, poi Francia e Germania. L’Italia è prescelta da chi ama l’arte e il design, e guarda alla Cina chi studia in atenei che hanno partnership con questo Paese), mentre il 22% di quelli statunitensi sceglie il Regno Unito, ritenendo che in questi paesi sia più facile trovare università di eccellenza. Le altre mete dei ragazzi statunitensi sono Francia e Spagna (11%), seguite da Italia e Australia.

Infine, alcuni studenti sono scoraggiati dalle pratiche burocratiche e dagli aspetti organizzativi di un trasferimento temporaneo, altri (soprattutto gli statunitensi) ritengono che abbandonare per un anno amici, famiglie e squadre sportive avrebbe un impatto sicuramente negativo sul loro successo economico e sociale futuro, dando maggiore importanza a questa rete di relazioni piuttosto che a un’esperienza lontano da casa.

Isabella Ceccarini
(11 marzo 2013)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG