• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Cresce il numero di studenti europei, ma diminuiscono i finanziamenti
 


Diciannove paesi europei su ventisei presi in esame non prevedono alcuna forma di tassazione universitaria per gli studenti. Questi i risultati di Financing the Students' Future (FINST), un progetto di ricerca dell'ESU (European Students' Union), della durata di 2 anni, focalizzato sul finanziamento dell'istruzione superiore nei paesi europei e sul punto di vista degli studenti.

Danimarca, Finlandia, Malta, Slovenia, Svezia e Norvegia hanno ancora sistemi d'istruzione superiore che non prevedono tassazione, almeno a livello undergraduate. L'Austria formalmente non riconosce le tasse universitarie ma vige la piena autonomia accademica. Alcuni paesi, come Ungheria, Polonia e Slovacchia offrono posti extra, a seconda delle possibilità dei singoli atenei, esenti da tassazione.

Ancora più allarmante è la situazione degli studenti internazionali. Norvegia e Malta, paesi esclusi dai 26 esaminati, rappresentano gli unici casi in cui gli studenti internazionali non vengono gravati da tasse speciali. Situazione simile per la Finlandia, anche se è in atto uno studio pilota sugli effetti dell'introduzione di tali rette e un'iniziativa per cambiare la legge. Come evidenziato dal progetto, esistono Paesi, come Irlanda e Regno Unito, dove le tasse per gli studenti internazionali sono molto più elevate rispetto a quelle per il corpo studentesco nazionale e dell'Unione Europea.

Negli ultimi cinquant'anni il numero degli studenti in tutta Europa è cresciuto in modo significativo. A tale crescita, tuttavia, non ha fatto seguito un incremento del finanziamento pubblico, che nei cinque anni passati ha subito drastici tagli fino al 50% nel budget nazionale.

Se gli studenti temono le ripercussioni che ne deriveranno, lascia ancor più perplessi il fatto che non si sia verificato alcun miglioramento nei sistemi di finanziamento agli studenti, che sono costretti a ricorrere sempre più ai prestiti per pagarsi gli studi.


 

Elena Cersosimo
(10 aprile 2013)

 

(Fonte: European student numbers rise, but funding falls - University World News, 16 febbraio 2013)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG