• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
U-Multirank: prime defezioni tra le università
 


U-Multirank, il nuovo sistema di ranking dell'Unione europea, ha registrato la prima defezione da parte di un gruppo che rappresenta alcune delle principali università europee. Lanciata lo scorso 30 gennaio a Dublino nel contesto della presidenza irlandese dell'Ue, la nuova classifica mira ad offrire un'alternativa ai sistemi di ranking tradizionali, focalizzati principalmente sull'eccellenza della ricerca. Classifica gli atenei in base a una gamma più ampia di fattori in cinque ambiti: reputazione nella ricerca, qualità dell'insegnamento e dell'apprendimento, orientamento internazionale, successo nel trasferimento delle conoscenze e contributo alla crescita regionale. I primi risultati del progetto, che ha ricevuto un finanziamento pari a due milioni di euro (2,7 milioni di dollari), sono attesi per l'inizio del 2014.

Se inizialmente sono state circa 500 le università di tutto il mondo che si sono proposte per prendere parte al progetto, oggi alcuni atenei hanno ritirato il sostegno all'iniziativa, rifiutandosi di mettere a disposizione i propri dati. La League of European Research Universities (LERU), che rappresenta le 21 maggiori research intensive universities, tra cui Oxford e Cambridge, ha dissociato il proprio nome dal progetto descrivendolo come "un uso inammissibile del denaro pubblico e una seria minaccia per un sano sistema d'istruzione superiore". Come riferito da Kurt Deketelaere, segretario generale della LERU, l'organizzazione ha espresso serie preoccupazioni circa la mancanza di dati affidabili per gli indicatori utilizzati nella classifica, la possibilità di raffrontare i paesi e la pressione sugli atenei per la raccolta dei dati.



Elena Cersosimo
(11 aprile 2013)


(Fonte: Times Higher Education - 9 febbraio 2013)

 


Articoli correlati nel sito UNIVERSITAS:
Commissione europea: presentato U-Multirank, il nuovo sistema di valutazione degli Atenei


Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG