• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Rapporto Istat 2013: i laureati hanno più probabilità dei diplomati di entrare nel mercato del lavoro
 


Secondo il Rapporto ISTAT 2013, mentre le opportunità per i giovani in età 15-29 anni di ottenere o mantenere un impiego si sono ulteriormente ridotte dell’1,2%, il tasso di occupazione è decisamente più elevato per i laureati (66,1% Italia - 82,6% media UE) rispetto ai diplomati (50,6% Italia – 71,4% media UE).
 
Dal Rapporto emerge inoltre che:
  • • tra i laureati fa differenza la laurea di secondo livello: rispetto al 2011 il tasso di occupazione per i laureati triennali è calato quasi del 4% (da 73,3% a 69,6%), mentre è aumentato di quasi 2 punti percentuali per le lauree specialistiche (da 73,3% a 69,6%);
  • eventuali, ulteriori percorsi formativi hanno ridotto – sia ai laureati che ai diplomati – il vantaggio di trovare prima e meglio l’occupazione. Al tempo stesso è aumentato il numero di laureati che hanno un’occupazione per la quale non è richiesta la laurea;
  • per i laureati le probabilità di successo appaiono legate ai diversi indirizzi di studio e alla classe sociale di origine. Generalmente le lauree dei gruppi scientifici garantiscono maggiori rendimenti in termini di occupabilità e di retribuzione rispetto a quelle di tipo umanistico (Medicina, Ingegneria e gruppo economico statistico hanno retribuzioni superiori del 20% rispetto ai redditi del gruppo letterario). In termini di occupabilità, provenire dalla borghesia determina un possibile vantaggio per i laureati di di secondo livello; al contrario, tra i laureati di primo livello sono gli appartenenti alla classe media ad apparire svantaggiati;
  • un voto alto di laurea e la regolarità negli studi sono sempre premianti; le esperienze formative all’estero durante gli studi perdono utilità nel tempo
  • in termini economici guadagnano di più i laureati che hanno trovato il lavoro senza fare ricorso alla segnalazione di parenti o amici e i soggetti mobili, che hanno dimostrato aspirazioni, determinazione e abilità.

Ma l’indagine statistica – integrata dal Rapporto Noi Italia 2013, predisposto anche in versione inglese – dimostra purtroppo un peggioramento degli indicatori, che distanziano la dinamica italiana in campo formativo-occupazionale rispetto alla media europea:
  • è sceso dell’8% l’indicatore relativo alla percentuale di diplomati e laureati in età 20-34 anni (si tratta di un nuovo indicatore recentemente adottato dal Consiglio Europeo all’interno del Quadro strategico per la cooperazione europea nel settore istruzione e formazione-ET 2020). Nel 2011 è stato 57,6% per l’Italia – 77,2% media UE – a fronte dell’82%, obiettivo fissato per il 2020 negli Stati UE 27;
  • nonostante l’incremento del 4,7% nel periodo 2004-11, la quota dei 30-34enni che ha conseguito un titolo universitario (o equivalente) è del 20,3%, lontana dall’obiettivo del 40% fissato da Europa 2020;
  • nel 2012 i cosiddetti NEET (Not in Education, Employment or Training) in età 15-29 anni hanno raggiunto le 2.250.000 unità (+95.000 in valori assoluti, pari al +4%), che attribuiscono al nostro Paese il triste primato nel settore rispetto ai principali Paesi UE in cui tale fenomeno, dopo la fase iniziale di crescita, si è stabilizzato.
 
Maria Luisa Marino
(27 maggio 2013)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG