• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
In merito al talento – La valorizzazione dell’eccellenza personale tra ricerca e didattica
Maria Cinque
 


Franco Angeli, Milano 2013, pp. 352, € 29,00
 
Cos’è il talento? È una prerogativa di poche persone o è qualcosa che, secondo modalità diverse, appartiene a tutti? È innato o si può acquisire? È solo una questione individuale e di tenacia nel perseguire gli obiettivi? Oppure ci sono elementi, ambienti e contesti che possono favorire e promuovere lo sviluppo del talento? E, soprattutto, come si riconosce, si valuta, si valorizza nelle varie fasi del percorso di formazione di un giovane e, in particolare, in quello universitario?
Di talento si parla moltissimo, ma al di là della retorica non si va a indagare su cosa c’è davvero nel “contenitore talento”, in particolare quali ne sono gli elementi costitutivi.
Attraverso l’analisi dello scenario internazionale e la raccolta di testimonianze dirette, il volume si propone di analizzare il rapporto che intercorre fra merito e talento in prospettiva educativa e didattica, in vari ambiti – dalla scuola all’azienda.
Numerose testimonianze dimostrano come il talento, spesso, sia addirittura un limite trasformato in abilità o, più generalmente, un’abilità finalizzata al raggiungimento di un obiettivo. Il talento, di fatto, può assumere varietà di forme e di livelli, passando dallo specialismo più rigido all’eclettismo più flessibile e ricreativo, come dimostrano le interviste realizzate.
L’autrice entra nel merito del talento, analizzandone componenti costitutive, interventi e possibilità di valorizzazione, effetti sociali, personali e professionali, nonché – elemento di fondamentale importanza – la sua misurazione e retribuzione, ovvero il riconoscimento del merito, tema molto dibattuto negli ultimi anni. L’equazione del romanziere Michael Young, merito = talento + sforzo, viene scomposta e ricomposta in merito = talento x sforzo x opportunità, in cui se manca anche un solo fattore il risultato si azzera.
La chiave di lettura del libro sta nel dimostrare che non è solo la dote naturale a determinare il successo personale, ma piuttosto una delicata interazione tra passione, attitudine, impegno e opportunità, che incoraggia le persone a raggiungere i più alti livelli di successo e a condurre vite ricche di significato e di obiettivi. Il talento è insieme predisposizione e volontà, libertà di realizzarsi e responsabilità; richiede la capacità di essere imprenditori di se stessi, di saper valorizzare il proprio dono e di fare le scelte opportune. Decisiva è la presenza di figure di riferimento: mentori, modelli, allenatori, maestri.
Parlare di merito e di talento vuol dire parlare dei meccanismi con cui la società educa i suoi cittadini, regola i meccanismi di accesso a lavoro e carriere, stimola l’intraprendenza personale e il benessere collettivo. Pertanto, potremmo affermare che un adeguato sfruttamento dei talenti è anche un’opportuna strategia anticrisi. Un elemento sul quale meditare sempre, ma ora più che mai.
 
Ludovica Sabatini
 
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG