• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Giappone: si riaccende l'interesse per gli studi all'estero
 


Secondo il “New York Times” sta emergendo tra gli studenti giapponesi, specialmente tra le giovani donne, un rinnovato interesse per i programmi di studio all’estero. Mentre gli studenti di altri paesi asiatici, come la Cina e l’India, che studiano all’estero sono da tempo in forte crescita, negli anni recenti si era verificato un brusco calo di quelli giapponesi (da 83.000 del 2004 a meno di 60.000 nel 2009).
 
Gli esperti sostengono che tendenza si sta invertendo, anche per le mutate richieste dei datori di lavoro, interessati a laureati in possesso di competenze linguistiche e di esperienze internazionali.
 
Secondo i dati di Ryugaku Journal, agenzia per gli studi all’estero, il numero di studenti nei college è cresciuto del 12%, fino ad arrivare ai 3.500 del 2012. Il terremoto del marzo 2011 non ha ridotto la crescita ma, al contrario, ha spinto gli studenti a dirigersi verso l’estero man mano che le aziende divenivano più attive sullo scenario internazionale.

Il Canada si è affermato quale nuova destinazione di studio. A detta del governo canadese, 3.546 studenti giapponesi hanno richiesto un visto studentesco nel 2011, contro i 3.238 del 2010. Il Canada è paese multiculturale che offre grande flessibilità sui visti e l’immigrazione. Gli studenti giapponesi possono restare, studiare e viaggiare in Canada senza visto fino a sei mesi e optare, in seguito, per un visto vacanza-lavoro che vale un anno.
 
È anche risalito il numero di studenti giapponesi che si reca negli Stati Uniti, dopo il brusco calo degli anni passati. La crescita è confermata anche dal Dipartimento di Stato statunitense, che attesta un aumento del 10% dei visti rilasciati agli studenti giapponesi (dai 16.811 del 2011 ai 18.668 nel 2012).
 
Nella scelta di recarsi a studiare all’estero prevalgono in netta maggioranza le donne. Sfortunatamente, esiste tuttora per loro in Giappone una disparità nelle opportunità di carriera, seppure vi siano segnali di cambiamento da parte dei datori di lavoro nipponici, che stanno puntando a incrementare il reclutamento di giovani donne con vocazioni internazionali.
 
Elena Cersosimo
(6 giugno 2013)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG