• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Nelle università italiane appena 1 cittadino estero ogni 22 immatricolati: pesa la scarsa occupabilità
 


Secondo i dati del rapporto Ocse 2012 Education at a glance, sono circa 70mila gli studenti internazionali in Italia, in misura decisamente inferiore rispetto ai 550mila in Gran Bretagna e ai 250mila in Germania e Francia.

Una differenza, si legge nel sesto rapporto dello European Migration Network (2013), dovuta principalmente ai limitati sbocchi professionali per i laureati in Italia: di solito, infatti, chi sceglie di frequentare l'università all'estero prevede di restare a lavorare nel Paese in cui si laurea.

Nelle università italiane viene calcolato un cittadino estero ogni 22 immatricolati, uno ogni 26 iscritti complessivi all'università, 1 ogni 37 laureati (oltre 7mila l'anno). Questi vengono soprattutto da Albania (11.802), Cina (6.161), Camerun (2.612), Iran (2.271), Perù (1.929), Marocco (1.831).  

Nel periodo 2004-2012, anche a seguito dell'introduzione della laurea triennale avvenuta nell'anno accademico 2001-2002, gli studenti internazionali non europei sono più che raddoppiati: da 22.951 a 51.947. A questi vanno aggiunti i 5.980 iscritti a corsi post lauream e i 4.380 iscritti a corsi di alta formazione artistica, musicale e coreutica, per un totale di 62.307 studenti non UE. Tenuto conto dei 17.424 europei, si arriva ad un totale di 79.731 studenti.

Economia, Ingegneria e Medicina e Chirurgia totalizzano quasi la metà degli iscritti. L'Università di Bologna è l'ateneo che vanta il maggior numero di iscritti non UE, mentre è il Politecnico di Torino a registrare la maggiore incidenza sul totale della popolazione studentesca (12,7%), insieme al Politecnico di Milano (8,2%) e all'Università degli Studi di Genova (6,2%). Il possesso della cittadinanza italiana continua ad essere il maggiore ostacolo per l'ammissione degli studenti internazionali agli studi post lauream, come per esempio le scuole di specializzazione medica: questo requisito vale anche per i figli di immigrati residenti in Italia.

 

Manuela Borraccino
(24 giugno 2013)

 

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG