• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Modalità di accesso alla Facoltà di Medicina nei paesi UE
Unione europea
 


Il nuovo calendario per le prove di ingresso ai corsi a numero programmato ha riacceso nel nostro Paese il dibattito sulla pianificazione dell'offerta formativa che non penalizzi gli accessi. A livello di comparazione, come avviene la selezione all'ingresso per i corsi della facoltà di Medicina negli altri Paesi dell'Unione europea? Offriamo, qui di seguito, una panoramica sui paesi più importanti e sui sistemi più distanti dal nostro.

Spagna
L'accesso a tutte le Facoltà universitarie è subordinato alla votazione riportata nel diploma di Bachiller e, per chi ha più di 25 anni - sulla base del Real Decreto 1892/2008 entrato in vigore dall'a.a. 2009/10 - al superamento di uno specifico esame denominato PAU (Prueba de Acceso a la Universidad) presso i singoli Atenei, destinato a valutare la maturità degli allievi, nonché le conoscenze e competenze acquisite durante gli studi secondari. Il PAU è articolato in due fasi: una fase generale obbligatoria, che pone l'accento su quattro materie di base; e una specifica volontaria che può migliorare la votazione finale per l'ammissione universitaria.

Regno Unito
Le Scuole mediche fissano annualmente i propri criteri di selezione. I candidati in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore GCSE (General Certificate of Secondary Education)  possono inoltrare per il tramite dell'UCAS (Universities and Colleges Admission Service) la domanda di ammissione a 4 scuole mediche di loro scelta.

Saranno sottoposti a specifici test:
- Clinical Aptitude Test (UKCAT), utilizzato nella procedura selettiva di 26 Facoltà mediche, destinata ad accertare il possesso delle capacità mentali, attitudinali e comportamentali, ritenute imprescindibili per l'esercizio della professione medica; ovvero
- Biomedical Admission Test (BMAT) - sulla falsariga dell'analogo test statunitense- esame più selettivo espressamente richiesto per l'ammissione a corsi di 1° ciclo presso l'Università di Cambridge, l'Imperial College di Londra, l'Università di Oxford e l'University College London Medical Schools; ovvero
- Graduate Medical School Admission Test (GAMSAT): richiesto per l'ammissione a corsi di 2° ciclo presso la St George's University of London, l'University of Nottingham, l'University of Wales e la Keele University.

Solo i candidati, che avranno superato il test previsto, saranno infine invitati alla prova finale, la cosiddetta interview, condotta da un'équipe esaminatrice specializzata per accertare, oltre al possesso delle conoscenze teoriche (soprattutto chimica, fisica, biologia), le valutazioni e le motivazioni personali che indirizzano i candidati alla professione medica.

Germania
L'ammissione degli studenti in possesso dell'Abitur (Zeugnis der allgemeinen Hochschulerife) è gestita da un Organismo federale, l'Ufficio centrale per l'attribuzione dei posti nell'ambito dell'istruzione superiore (Zentralstelle für die Vergabe von Studienpl?tzen - ZVS): quote di posti sono riservate per il 2% agli studenti diversamente abili o con difficoltà socio-economiche (H?rtef?lle), per il 20% ai Talented 20, che al diploma conclusivo degli studi secondari hanno riportato la media più alta della loro classe, e per il 20% agli idonei degli anni precedenti in lista di attesa da più tempo. Dopo l'abolizione del 1997, è stato reintrodotto il Test (Essai für Medizinische Studieng?nge), non obbligatorio, ma utile per migliorare il punteggio complessivo e la possibilità di essere positivamente selezionati nel corso dell'intervista conclusiva.

Francia
La procedura è molto articolata e selettiva, un vero e proprio percorso ad ostacoli. Per tutti i settori di studio, gli studenti in possesso di Baccalauréat presentano via internet la loro candidatura, indicando in ordine di preferenza le varie tipologie di studi superiori richieste. In presenza della disponibilità dei posti e del posizionamento utile dei candidati nelle procedure selettive universitarie, i candidati ottengono l'ammissione ai PACES (Premières Années Commune Aux Etudes de Santé), primo anno di studi comune ai 4 ambiti medici: Medicina, Farmacia, Odontoiatria e Ostetricia. Soltanto gli studenti che superano gli esami del 1° semestre (Chimica, Biologia, Istologia ecc.) sono ammessi al 2° semestre; chi non ce la fa è indirizzato ad altri percorsi formativi. La selezione più dura avviene per l'iscrizione al 2° anno- la cui quota di ammissibili è annualmente fissata per decreto- anche tenuto conto che il 1° anno dei PACES può essere ripetuto soltanto una volta.

Belgio
L'accesso avviene senza particolari restrizioni, ma la selezione è rinviata all'anno successivo e si basa solo sui risultati conseguiti nel primo anno di studi, in modo meno restrittivo che in Francia. Tale modalità ha originato negli ultimi tempi una pratica corrente per gli studenti tedeschi e francesi di raggirare l'ostacolo, chiedendo l'iscrizione in 2 Paesi (nel proprio di appartenenza e in Belgio).




Antonella Lorenzi
(luglio 2013)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG