• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Strategia Europa 2020: i progressi dei sistemi universitari dei Paesi UE nei dati Eurostat 2013
 


Una serie di dati EUROSTAT letti congiuntamente fotografano i vari aspetti della realtà universitaria nei 27 Paesi UE (28 dal 1° luglio 2013). Al tempo stesso evidenziano i progressi mediamente realizzati nell'ambito della Strategia Europa 2020 entro il 2012.

La fetta di popolazione attiva in età 30/34 anni in possesso di laurea ha raggiunto il 36% (+2% rispetto al 2010 e +8% rispetto al 2005) e contestualmente è calato al 13% il tasso di fuoriuscita dal sistema educativo. Risultati positivi, ma distribuiti in maniera altamente differenziata in una ideale graduatoria capeggiata da Irlanda (51%), Cipro (49,9%), Lussemburgo (49,6%) e Lituania (48,7%), che purtroppo vede il nostro Paese all'ultimo posto (21,7%), preceduto da Romania (21,8%) e Malta (22,4%). Otto Stati UE (Danimarca, Cipro, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Finlandia e Svezia) hanno addirittura superato il previsto obiettivo del 40%, peraltro già praticamente centrato da Regno Unito (41%), Belgio (43,9%), Francia (43,5%), Spagna (40,1%) e Polonia (39,1%). Altrettanto differente tra Paesi il livello di spesa dedicato alla formazione, che annovera Islanda (7,9% del PIL), Danimarca (7,8% del PIL) tra i maggiori investitori e Italia, Grecia e Romania (4,1%), Slovacchia (4%) e Bulgaria (3,6%) all'estremo opposto.

Le 4.000 istituzioni di istruzione superiore nell'UE 27 accolgono quasi 20 milioni di studenti. Sei Paesi (Germania, Regno Unito, Francia, Polonia, Italia e Spagna) annoverano da soli ben due terzi del totale complessivo. Sono quattro milioni e mezzo i laureati complessivi nell'Unione nel 2010. Scienze sociali, Economia e Giurisprudenza sono le facoltà con maggiore presenza femminile e mediamente più frequentate; segue Ingegneria con la più alta concentrazione maschile (3/4 degli iscritti).

Differenze anche nell'età media del conseguimento del titolo finale, influenzata da fattori diversi (l'interruzione degli studi per servizio militare, l'iscrizione di adulti ecc.): 22,1 anni in media in Irlanda, Spagna, Svezia, Danimarca, Finlandia, Austria, Lussemburgo, Grecia e Germania.

L'istruzione superiore influisce anche sulla crescita durevole e socialmente inclusiva delle città, uno degli aspetti principali della Strategia Europa 2020: la capacità di attirare studenti può determinare secondo i casi la fuga o l'afflusso dei talenti; aiutare i laureati a rimanere nella città in cui hanno conseguito il titolo può costituire un bacino di mano d'opera qualificata. Ben 65 città - di cui 4 Capitali - disseminate in tutta Europa contano una media di 150 studenti universitari ogni 1.000 abitanti. Città con elevati tassi studenteschi sono in Polonia, in Italia e in Slovacchia. Tra le capitali più popolose, Roma annovera 82 studenti su 1.000 abitanti, seguita da Madrid (56), Londra, Berlino e Atene (50).

 

Luigi Moscarelli
(1 agosto 2013)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG