• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Report LERU sulla mobilità studentesca: alcuni programmi necessitano di cambiamenti strutturali
 


Durante una conferenza sui programmi di studio internazionali, svoltasi a Bruxelles il 6 giugno 2013, la League of European Research Universities (LERU) ha presentato un documento dal titolo International Curricula and Student Mobility.

Bart De Moor, pro rettore della Katholieke Universiteit di Lovanio (Belgio) e curatore del rapporto, nel suo intervento di presentazione si è soffermato sulla crisi che sembra aver investito il programma Erasmus, uno dei programmi di scambio studentesco di maggior successo al mondo. Si vocifera, infatti, che Erasmus, capace di consentire a circa 230.000 studenti l'anno di fare un'esperienza di studi all'estero, abbia raggiunto i propri limiti, con un numero di candidati ormai in stallo.

Per De Moor, a danneggiare Erasmus sono stati gli enormi costi amministrativi e la mancanza di personale che avrebbe potuto assicurare una gestione appropriata.
Il budget allocato dall'Unione europea e dalle agenzie nazionali, difatti, non è cresciuto in proporzione al numero dei partecipanti. E se le adesioni degli studenti crescono, rimangono nel complesso in numero esiguo, per motivi economici, per la mancanza di una reale conoscenza del programma, per i problemi di riconoscimento dei crediti e dei corsi di laurea e, infine, per il generale timore di ritardi nel terminare gli studi.

Nonostante il nuovo programma proposto dalla Commissione Europea (Erasmus for All che nel frattempo ha cambiato denominazione e ora si chiama Erasmus+) previsto per il periodo 2014-20, sia stato creato per correggere proprio alcune di queste deficienze, resta ancora molto da fare.

Dalla conferenza è emersa la necessità di rendere il programma più flessibile, non solo nella progettazione ma anche nella realizzazione. Una delle raccomandazioni chiave del report LERU è quella di consentire le collaborazioni internazionali con due soli partner, piuttosto che con un minimo di tre. De Moor ha altresì sottolineato l'esigenza di un più cospicuo finanziamento agli atenei, ricordando che una delle aspirazioni dell'UE è che entro il 2020 il 20% di tutti gli studenti faccia un'esperienza internazionale durante l'istruzione terziaria. Ci si è rivolti, infine, ai governi nazionali, perché si impegnino a rimuovere le barriere al riconoscimento dei titoli, come già asserito dai ministri dell'istruzione EU lo scorso anno a Bucarest.


 

Elena Cersosimo
(17 settembre 2013)


(Fonte: University World News, Erasmus faces demand and management problems - LERU,  del 15 giugno 2013)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG