• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Svezia: maggiore autonomia alle università se si trasformano in fondazioni private
 


La questione sul livello di autonomia delle università accende sempre nuove discussioni ogni volta che un Governo mette mano a qualche riforma, perché si teme che il potere legislativo possa compromettere la vita stessa di un'istituzione. In Svezia, invece, è lo stesso ministro dell'Istruzione ad aver spinto per una maggiore autonomia delle università e lo ha fatto con una proposta di legge che sta facendo molto discutere e che verrà discussa molto probabilmente nella primavera del 2014, e dovrebbe diventare effettiva a luglio, prima delle nuove elezioni del Parlamento svedese, previste per settembre dello stesso anno.

Nelle 136 pagine del documento (Memorandum) si prospetta un'ipotetica "privatizzazione" delle università e dei college, mediante una trasformazione nella forma giuridica di fondazioni private. Il vero obiettivo della proposta legislativa è di aumentare l'autonomia delle istituzioni d'istruzione superiore, separandole in modo netto dallo Stato. Il settore dell'istruzione superiore opererebbe mediante "contratti" tra il governo e le università. In estrema sintesi, la proposta di legge prevede che le istituzioni, in caso di scelta per il cambiamento in fondazioni private, perderanno - ovviamente - la quota di fondi pubblici garantiti dal governo, ma non in modo immediato: per i primi sei anni dalla trasformazione, esse godranno di un finanziamento pari al 90% della precedente previsione di allocazione, in modo da consentire alle fondazioni di trovare nuove forme di finanziamento capaci di sostenere l'attività didattica e di ricerca. I dipendenti delle università diventeranno impiegati privati, mentre gli studenti saranno considerati "privatisti".

La proposta di legge è effetto di una discussione che, in Svezia, dura da quasi vent'anni. Esistono già due ex-università, diventate fondazioni private nei primi anni Novanta: la Chalmers University of Technology e la Jönköping University. La deadline prevista per commentare la proposta di legge è stata fissata al 15 novembre 2013, ma al momento attuale ci sono già pareri contrastanti sull'utilità pratica di questa legislazione.

Per chi è a favore della proposta si parla già di una "nuova regolamentazione delle attività universitarie mediante lo sfruttamento dello strumento contrattuale, in grado di garantire che le risorse statali destinate a Università e Ricerca possano essere utilizzate in un modo prettamente politico". Tradotto in parole povere, con questa proposta di legislazione si salvaguarderebbe la capacità finanziaria dello Stato da inutili sprechi verso istituzioni economicamente insufficienti, a favore di una concentrazione di fondi verso le strutture di eccellenza.

Le motivazioni contrarie sono semplici: il provvedimento risulta, in alcuni suoi passaggi, poco chiaro e contraddittorio, soprattutto riguardo al finanziamento delle istituzioni. Si parla, infatti, di autonomia ma si chiarisce che, scegliendo la via della trasformazione in fondazioni private, le università continueranno a ricevere fondi pubblici nei primi sei anni dal cambiamento di forma giuridica. Servirebbe, inoltre, un periodo di analisi politica e culturale sull'effetto che potrebbe avere tale tipo di nuova autonomia nel sistema d'istruzione superiore svedese.

La Swedish National Union of Students (Sveriges Förenade Studentkårer), mediante il suo rappresentante, non esprime un parere totalmente negativo sulla proposta di legge, ma osserva che i punti di discussione, su cui il Governo svedese dovrebbe fornire ampie spiegazioni, sono essenzialmente tre: perché si è scelta la forma giuridica delle fondazioni private? Come è possibile migliorare la proposta in termini di chiarezza? Come assicurare i diritti degli studenti nel passaggio da istituzione pubblica a istituzione privata? Gli studenti non vogliono essere trattati come merce a servizio delle istituzioni e chiedono un maggiore riconoscimento della loro figura nel momento di arrivare a scelte così importanti per la vita politica e sociale di uno Stato. Il vero interrogativo è capire se si arriverà a una soluzione indolore per tutti.



Danilo Gentilozzi
(10 ottobre 2013)


(Fonte: Greater autonomy for universities as foundations, University World News n. 288 - 21 settembre 2013)


Articoli correlati nel sito UNIVERSITAS:
Svezia: 15 mila studenti universitari in meno nei prossimi tre anni


Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG