• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
La nuova rete globale delle università di ricerca
 


L'Association of American Universities (AAU, che comprende atenei statunitensi e canadesi), il Consortium of China 9 Research Universities (C9), il Group of Eight Australia (Go8) e la League of European Research Universities (LERU) hanno firmato un documento congiunto che segna l'inizio di un'alleanza globale tra le università di ricerca. La partecipazione italiana è rappresentata dall'Università Statale di Milano, unico ateneo italiano incluso nella lega delle università di ricerca europee.

L'obiettivo dell'accordo è quello di avviare una programmazione comune delle strategie di sviluppo e incidere sulle politiche della ricerca. Nel documento, dopo aver definito cosa si intende per università di ricerca, vengono fissati dieci punti che identificano le priorità della ricerca nonché i requisiti (indipendenza, formazione, valutazione, trasparenza e dimensione etica) che devono contraddistinguere questo gruppo di atenei.

 
Universitas ha rivolto tre domande a Marino Regini, professore dell'Università degli Studi di Milano e delegato del Rettore alla LERU.

Professore, ci spieghi meglio in cosa consiste questo accordo e come si è arrivati alla firma congiunta.
L'accordo nasce dalla constatazione che in tutti i continenti le grandi università di ricerca, cioè quelle in cui si svolge gran parte della ricerca di punta e che basano la propria reputazione sull'eccellenza scientifica, si trovano ad affrontare problemi simili. Non solo, quasi ovunque la crisi economica porta i governi a tagliare gli investimenti in ricerca. Spesso governi e fondazioni privilegiano investimenti nella ricerca applicata, volta a trovare soluzioni rapide a problemi già noti. Gli enormi progressi che la scienza ha conosciuto e che hanno cambiato il mondo derivano dalla ricerca di base, da cui nascono avanzamenti spesso imprevisti e impensati. Questa ricerca di base e di frontiera, che è costosa e produce risultati solo nel lungo periodo, si fa soprattutto in alcune università, che si sono associate finora su base continentale (prima in Nord America, poi in Australia, e poi in Cina e in Europa con la LERU). Gli obiettivi della ricerca di frontiera sono uguali in tutto il mondo e le sfide sono ormai globali, per cui si è cominciato a confrontarsi, a ragionare insieme, a rivolgere un appello congiunto ai decisori politici di tutto il mondo.  

Sono previsti seminari, incontri e pubblicazioni congiunte? Se sì, su quali argomenti?

Il documento siglato congiuntamente a Hefei è solo un primo passo. Certamente si andrà avanti con iniziative comuni, ma è difficile ora prevedere in quali direzioni. Molto dipenderà anche dalle risposte dei governi e dalla presa di coscienza della società civile di che cosa si rischia a trascurare la ricerca di base, in tutto il mondo.

Quale impatto prevede che produrrà questo accordo nel mondo universitario e della ricerca italiano?
Il mondo universitario italiano è molto ripiegato su se stesso, costretto com'è da 15 anni a questa parte a dedicare gran parte delle sue energie a continui aggiustamenti normativi imposti dal centro. Il documento di Hefei richiama appunto la necessità di una visione strategica condivisa, che da noi manca completamente. Per questo temo che in Italia l'impatto di questo accordo sarà debole. Solo pochi saranno capaci di guardare oltre le discussioni asfittiche su technicalities come i requisiti di docenza per i corsi di studio o i requisiti per l'abilitazione, e di alzare lo sguardo ai grandi problemi del futuro della ricerca e dell'università, sprovincializzando il dibattito italiano.

 


Isabella Ceccarini
(ottobre 2013)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG