• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Skills Outlook 2013: le competenze degli adulti tra disuguaglianze e miglioramento delle politiche formative
OCSE
 


L'OECD ha pubblicato il Rapporto Skills Outlook 2013, seconda edizione di una indagine che misura le competenze degli adulti nelle due aree chiave delle capacità linguistiche e di quelle matematiche, particolarmente richieste da un mercato del lavoro in rapida trasformazione e sempre più dipendente dalle risorse tecnologiche. L'indagine si inquadra nell'ambito del PIIAC (Programme for the International Assessment of Adult Competencies) e analizza in definitiva l'efficacia dei sistemi formativi nazionali, sottolineando la necessità di potenziare gli investimenti diretti al miglioramento del capitale umano per evitare il rischio di perdere competitività nell'economia mondiale globalizzata.

Sul livello delle competenze linguistiche e matematiche, Finlandia e Giappone capeggiano l'ideale graduatoria dei Paesi con adulti più competenti (1 su 5), agli ultimi posti Spagna e Italia (1 su 20). Al contrario un adulto su cinque possiede esigue capacità del genere in Irlanda, Francia, Polonia, Regno Unito e la situazione peggiora in Italia e in Spagna dove il rapporto negativo sale mediamente ad 1 su 3. Più ampio il dislivello relativo alle abilità informatiche, che vede i Paesi del Nord Europa (Paesi Bassi, Finlandia, Svezia) capeggiare l'ideale graduatoria (40%) dei più esperti in materia, contrapposti a Spagna, Italia, Cipro, Polonia e Slovenia dove 1 adulto su 5 non possiede alcuna competenza informatica.

Gli indicatori dell'OCSE, per quanto riguarda la formazione scolastica, riferiscono che generalmente una formazione più elevata opera da passerella verso una migliore occupazione, ma lo scarto varia spesso secondo il Paese (ad es. in Canada e Stati Uniti supera di un terzo il valore rilevato in Australia, Estonia, Finlandia, Giappone, Norvegia e Repubblica Slovacca). In alcuni casi (ad es. Giappone e Paesi Bassi) i diplomati di scuola secondaria superiore appaiono addirittura più preparati dei laureati.

I progressi identificati nelle fasce giovanili della popolazione mostrano l'efficacia delle misure formative adottate nel tempo: ne è un esempio la Corea, che si colloca al terzultimo posto dei Paesi meno competenti nella fascia di età 55/65 anni, ma guadagna la seconda posizione - dopo il Giappone - dei più preparati nella fascia di età 16/24 anni. Anche nel nostro Paese il divario generazionale oltrepassa i 20 punti a vantaggio del segmento più giovane;

La correlazione tra origine sociale e competenze a svantaggio dei meno abbienti è più presente in Germania, Regno Unito, Irlanda, Stati Uniti, Italia e Polonia; in Corea e negli Stati Uniti tende a diminuire tra i più giovani. Anche gli immigrati presentano svantaggi nei confronti degli adulti autoctoni e richiedono l'adozione di adeguate politiche per la loro integrazione socio-economica;

Gli uomini appaiono maggiormente predisposti alle capacità matematiche, ma le differenze di genere restano contenute e incoraggiano i Paesi a basso tasso di occupazione femminile (ad es. l'Italia) a favorirne l'attività per utilizzarne il patrimonio di competenze a favore dello sviluppo economico nazionale. Le misure di formazione permanente attuate: superano il 60% in Danimarca, Finlandia e Norvegia, Paesi Bassi e Svezia, ma sono inferiori al 30% in Italia. I lavoratori italiani, oltre ad avere un più basso livello di competenze linguistico/matematiche, le utilizzano in maniera meno intensiva rispetto ad altri, conseguentemente alla struttura produttiva dominata dalla piccola-media industria, che non richiede ancora una più sofisticata qualificazione.

Come dare nuova linfa alla formazione degli adulti? L'OCSE suggerisce di risparmiare dai tagli i fondi destinati alla formazione, assicurare un'istruzione solida e una formazione iniziale di qualità, nonché valide opportunità formative durante l'intero arco della vita. 

Leggi la sintesi in italiano.




Maria Luisa Marino
(ottobre 2013)
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG