• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Germania: tre indagini analizzano la situazione economico-sociale e le buone prospettive occupazionali degli studenti universitari
 


L'Hochschul-Informations-System GmbH - HIS, l'agenzia tedesca di statistiche sull'istruzione superiore, ha realizzato tre indagini che forniscono un quadro della situazione economico-sociale degli studenti universitari, con un focus sulle loro scelte di studio e la riuscita sul piano professionale.

La prima indagine, dal titolo Karriere mit Hochschulabschluss? Hochschulabsolventen zehn Jahre nach dem Studienabschluss (Carriera con un diploma universitario? Indagine sui laureati a dieci anni dal titolo) ha analizzato un campione di laureati a dieci anni dal conseguimento del titolo. L'80% degli intervistati ha ottenuto un salario medio (€63.000 annui) superiore a quello degli occupati non laureati, più elevato per gli uomini (€ 68.900 annui) rispetto alle donne (€51.100), con differenze di genere anche nel raggiungimento delle posizioni lavorative apicali (52% per gli uomini; 30% per le donne). Circa il 75% hanno contratti a tempo indeterminato, il 15% sono lavoratori indipendenti e solamente l'1% è disoccupato. Molto alta la soddisfazione nel lavoro (85%), per l'ambiente di lavoro (78%), per la posizione professionale (73%) e per la sicurezza del lavoro (70%).

La seconda inchiesta, dal titolo Sozialerhebung liefert umfassende Befunde zur wirtschaftlichen und sozialen situation der Studierenden in Deutschland (Indagine sociale che offre risultati completi sulla situazione economica e sociale degli studenti in Germania), giunta alla ventesima edizione (la precedente era del 2009), ha registrato gli effetti di alcuni cambiamenti intervenuti da inizio secolo (sviluppo del sistema di studio a più livelli, abolizione delle tasse studentesche in 4 dei 6 L?nder,  sospensione della leva militare ecc.), sulla condizione e sulla crescita della popolazione universitaria, che nel 2012 ha raggiunto il picco di 2,5 milioni di iscritti. Di questi, la metà proveniente da famiglie con entrambi i genitori non laureati, il 28% appartenente a famiglie in cui uno dei genitori è laureato e il 22% con entrambi i genitori laureati. Il 78% degli studenti ha optato per il tempo pieno, il rimanente 22% per quello parziale. La maggior parte degli studenti di 1° ciclo ha impiegato almeno 13 ore settimanali per svolgere qualche attività lavorativa per autofinanziarsi gli studi. Quasi 9 studenti su 10 (87%) sono stati sostenuti dai loro familiari; circa un terzo dei fuori sede hanno ricevuto aiuti dal Governo federale sotto forma di prestiti (6%) o di borse (4%).

La terza ricerca, dal titolo Das Masterstudium als 2. Phase der gestuften Studienstruktur (I corsi Master come seconda fase degli studi universitari di secondo ciclo) ha evidenziato come sia alto il gradimento per la conversione dei corsi universitari in due cicli di studio, cambiamento reso possibile dalla maggiore flessibilità negli studi promossa dal Processo di Bologna e dal sistema binario tedesco che, accanto all'istruzione superiore normale, affianca un'istruzione superiore professionale (vocational higher education). In questo modo, i possessori di un titolo Fachabitur (Diploma di maturità tecnica), conseguito presso una Fachoberschulen (scuola secondaria specializzata in determinate materie tecniche), una volta acquisito un bachelor degree (Laurea di primo livello) hanno la possibilità, diversamente dal passato, di iscriversi a un corso di una Fachhochschulen (Istituto universitario professionalizzante) oppure a qualsiasi altro corso universitario.



Luigi Moscarelli
(5 novembre 2013)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG