• Studenti di successo
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Proteste negli atenei turchi
  • Camerino, il futuro non crolla
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
INTERUV: lo stato attuativo in Europa dei programmi di studio congiunti
Erasmus Mundus
 


Durante il secondo convegno regionale del progetto INTERUV: Joint Programmes - facilitator for university internationalisation (Roma, 6-7 novembre 2013), nell'ambito dell'Azione 3 di Erasmus Mundus, è stata presentata l'indagine "Study on joint programmes" che analizza lo stato attuativo dei programmi di studio congiunti, evidenziando gli aspetti delle singole realtà nazionali e valutandone il contributo al rafforzamento dell'internazionalizzazione universitaria, auspicata dall'ultima Conferenza dei Ministri UE dell'Istruzione Superiore (Bucarest - 2012).

L'indagine, promossa dalle 15 strutture nazionali Erasmus Mundus che partecipano al progetto[1], esamina 258 risposte al questionario on-line, fornite dalle Università (32 risposte provengono da Atenei italiani)  nel periodo 5 marzo - 24 aprile 2013.

L'81% delle università rispondenti conferma di aver adottato apposite strategie di internazionalizzazione per inserire i programmi congiunti nella propria offerta formativa: Ungheria, Francia, Regno Unito, Spagna e Italia sono i Paesi che li contemplano a tutti i livelli universitari.

L'organizzazione e gestione dei programmi congiunti risulta facilitata per quelli che coinvolgono un numero limitato di partners: i più frequenti coinvolgono due Atenei, con un alto tasso di rilascio del doppio titolo. In larga parte sono il risultato di iniziative istituzionali, ma ricevono un sostanziale aiuto dai programmi europei dedicati all'educazione: in Italia, accanto alle iniziative autonomamente sviluppate dalle singole Università, hanno un peso determinante i programmi attuati nell'ambito di Erasmus Mundus, Erasmus Curriculum Development e Tempus Programme. 

Ancora piuttosto scarso è stato il coinvolgimento del mondo produttivo: in Italia, tra i partners non accademici, prevalgono soprattutto i centri di ricerca scientifica. I settori disciplinari in cui sono più diffusi i programmi congiunti sono: scienze sociali, economia, giurisprudenza, scienze matematiche e informatica, ingegneria, lettere e filosofia. Gli studenti coinvolti, prevalentemente provenienti dai 15 Paesi partecipanti al progetto, sono ancora contenuti nel numero (in Italia 26.880 full-time e 435 part-time) e suddivisi preferibilmente in gruppi di 20 per progetto.

Sul piano didattico, la maggior parte dei programmi di studio congiunti si sviluppa come componente aggiuntiva di preesistenti corsi (add-on option) e rilascia un doppio titolo, distinguendosi da quelli originati da specifici accordi congiunti (stand alone option), che si concludono  con un titolo congiunto;

Soddisfacenti i ritorni motivazionali per le istituzioni coinvolte, riassumibili soprattutto: nell'espansione dell'offerta formativa, nell'accrescimento della visibilità internazionale, nel miglioramento dell'attrattività di studenti e di risorse finanziarie e nella costruzione della cittadinanza europea.


Scarica la pubblicazione.



Maria Luisa Marino
(novembre 2013)



[1] Austria, Repubblica Ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Grecia, Ungheria, Italia, Lettonia, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Slovacchia, Spagna e Regno Unito.

 

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG