• Studenti di successo
  • Dossier sul Diritto allo studio
  • Camerino, il futuro non crolla
  • Da Expo 2015 a Human Technopole
  • Proteste negli atenei turchi
  • I laureati per una società migliore
NOTIZIE DALL'ITALIA
31/12/2016
Università: approvato il nuovo decreto “Ava” che istituisce le lauree professionali
01/12/2016
ITWIIN 2016 premia l'invenzione e l'innovazione femminili
30/11/2016
Rapporto Svimez 2016: un MIT del Mezzogiorno per contrastare l’impoverimento culturale del Sud Italia
15/11/2016
Le potenzialità dell’e-learning e le sfide per la modernizzazione delle università europee
14/11/2016
Università: le riserve del Consiglio di Stato sulle cattedre Natta
20/10/2016
Riparte a Bologna il Master in Editoria voluto da Umberto Eco
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
13/12/2016
Unione europea: nuove iniziative lanciate dalla Commissione contro la disoccupazione giovanile
12/12/2016
Unione europea: nominato il comitato di alto livello per la scienza e la tecnologia
16/11/2016
Francia: in aumento le iscrizioni nelle cinque università cattoliche
14/11/2016
Call Erasmus+ per il 2017: bilancio totale di oltre due miliardi di euro
27/10/2016
America Latina: verso uno spazio dell’istruzione superiore ibero-americano
26/10/2016
Russia: freno allo sviluppo del sistema universitario, sospeso il Progetto 5-100
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Formazione accademica in azienda: il “Graduate Program” dell’Università Campus Bio-Medico di Roma
 


Sarà molto più di un "2+3" (come lo hanno descritto i giornali,ndr). Il Graduate Program che verrà sperimentato a partire dal novembre 2014 all'Università Campus Bio-Medico di Roma non si prefigge soltanto d'integrare i due anni di Laurea Magistrale con i tre del Dottorato di Ricerca in un unico percorso di formazione accademica. L'obiettivo principale, in un'epoca in cui il passaggio dalla formazione all'occupazione è sempre meno scontato, sarà soprattutto quello d'interconnettere l'Accademia con il mondo delle imprese, per favorire un più rapido e strutturato ingresso dei "neo-graduati" nel mondo del lavoro e anche la trasmissione delle competenze utili a favorire la creazione di start-up.

"L'idea", scrive Eugenio Guglielmelli, Pro-Rettore alla Ricerca dell'Università Campus Bio-Medico, sul numero di gennaio-marzo 2014 del trimestrale Lettere dal CAMPUS, "era in gestazione da tempo: introdurre all'Università Campus Bio-Medico di Roma un Graduate Program sul modello dei Paesi anglosassoni. Un percorso unico per Laurea Magistrale e Dottorato di Ricerca, che unisce formazione accademica ed esperienze professionali in azienda. Ora il programma è pronto e a partire dall'Anno Accademico 2014-2015 potremo avviarne la sperimentazione".

Il Graduate è stato lanciato ufficialmente lo scorso 13 novembre 2013, in occasione dell'inaugurazione dell'Anno Accademico 2013-2014, con commenti positivi dello stesso (ormai ex, ndr) Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, Maria Chiara Carrozza.

"Finora il Dottorato di Ricerca", continua Guglielmelli, "è stato sempre visto in Italia come un percorso formativo che, dopo il Diploma di Laurea, doveva preparare alla carriera accademica. Un'interpretazione a senso unico, che dista da quella di altri Paesi e diventa tanto più limitante, nel momento in cui il sistema universitario non riesce ad assorbire tutte le leve di giovani ricercatori. Così le aziende preferiscono spesso al Dottore di Ricerca un semplice Laureato, sufficiente alle proprie necessità, oppure optano per una persona che anziché investire in tre anni di dottorato, ha già accumulato tre anni di esperienza nel mondo del lavoro o in percorsi di specializzazione più aziendalisti".

La partita decisiva si giocherà nel rapporto con le imprese, che avranno a disposizione diversi livelli e modalità di partecipazione al programma sperimentale di formazione. Saranno chiamate a suggerire specifici contenuti di apprendimento lungo il percorso formativo e potranno finanziare in tutto o in parte gli studenti con borse di studio, partecipando alla selezione dei candidati, assicurando loro l'apprendistato accademico all'interno della propria organizzazione, fino a impegnarsi alla loro assunzione dopo il raggiungimento dei titoli accademici e degli obiettivi di rendimento fissati."Ora resta la grande sfida di trovare un numero sempre più ampio di aziende disposte a realizzare con noi il Graduate Program", chiude Guglielmelli.

Saranno sei i posti a disposizione per la prima edizione del Graduate, due per ciascuno dei tre percorsi offerti: Bioingegneria, Ingegneria Industriale, Chimica e Biochimica degli Alimenti. L'obiettivo, per gli anni successivi, è di almeno raddoppiare il numero di studenti ammessi. Gli studenti selezionati svolgeranno buona parte del programma in forma di "apprendistato" universitario all'interno delle imprese.



La Redazione
(24 febbraio 2014)



(Fonte
: Lettere dal CAMPUS, trimestrale dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, gennaio-marzo 2014)

Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
31. Capaci e meritevoli. Il diritto allo studio universitario in Italia e in Europa
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG