• Forum: studi umanistici da difendere
  • A proposito di valutazione
  • I nuovi rettori
  • Il piano del Governo per l'università
  • Individuazione delle competenze
  • L'università liquida secondo Bauman
NOTIZIE DALL'ITALIA
18/12/2013
Corsi a numero programmato: riattivato con decreto MIUR il bonus maturità e pubblicata la nuova graduatoria degli idonei
06/12/2013
Il Cardinal Scola all’Università di Milano-Bicocca: università come luogo di formazione alla libertà
04/12/2013
Giovani & Lavoro: presentati i dati del rapporto Specula Lombardia
03/12/2013
La nuova giunta della CRUI
02/12/2013
Diritto allo studio universitario e corruzione: il fenomeno degli studenti “evasori” come nuovo campanello d’allarme
18/11/2013
Italia – Sud Mediterraneo: la cooperazione universitaria tra mobilità accademica e programmi congiunti
Leggi tutte le notizie dall'Italia
NOTIZIE DALL'ESTERO
18/12/2013
Giappone: cresce il numero e la qualità della collaborazione nella ricerca con i paesi in via di sviluppo dell’Asia e dell’Africa
17/12/2013
OCSE PISA 2012: studenti asiatici al top, quelli italiani primeggiano nelle materie scientifiche
16/12/2013
Primo incontro internazionale dei centri di ricerca dell’istruzione superiore a Shanghai
29/11/2013
Unione europea: approvata dal Parlamento la proposta di Regolamento che istituisce Erasmus+
19/11/2013
Eurostat: lo stato di attuazione della Strategia Europa 2020 nei paesi membri, Italia in ultima posizione
05/11/2013
Germania: tre indagini analizzano la situazione economico-sociale e le buone prospettive occupazionali degli studenti universitari
Leggi tutte le notizie dall'estero
Cimea
Cimea
Sito 
segnalato da Freeonline.it
Nuove considerazioni in merito all’abolizione del valore legale della laurea
 


È un problema che a intervalli regolari ritorna prepotentemente a far parlare di sé. Il valore legale della laurea è una questione che divide gli esperti del settore e anche oggi, nel mezzo delle contestazioni alla riforma Gelmini per l'università, rimane di estrema attualità. Nel ddl recentemente approvato alla Commissione Istruzione del Senato e ormai pronto per l'esame dell'Aula, non dovrebbero esserci colpi di scena al riguardo: l'attuale maggioranza sta spingendo per l'approvazione di una serie di accorgimenti normativi che, seppur indirettamente, porterebbero ad una deregolamentazione dei titoli di studio.
In Italia, il valore legale comporta che la laurea sia un certificato pubblico, rilasciato in nome della legge dal ministero competente o da un'autorità accademica. Il motivo di tanta ostilità nei confronti del valore legale sta nel controllo statale sui curriculum universitari e sui corsi di studio, una mano pesante che ingesserebbe sia il mondo universitario che quello del lavoro. In altri paesi, come ad esempio il Regno Unito, non esiste il valore legale del titolo di studio, ma la verifica sul valore reale dei corsi di studio in grado di garantire l'idoneità professionale dei giovani è affidata ad un'agenzia indipendente, la Quality Assurance Agency.

Intervistato da Affari&Finanza di Repubblica, Carlo Finocchietti, direttore del CIMEA - Centro Informazioni sulla Mobilità e le Equivalenze Accademiche, ha espresso il suo parere in merito al dibattito in merito allo sgretolamento del muro del valore legale anche in Italia. "Il valore legale della laurea si basa su due pilastri: uno è l'ordinamento didattico nazionale, che fissa le caratteristiche generali dei corsi di studio e dei titoli rilasciati; l'altro è l'esame di Stato, che accerta, nell'interesse pubblico generale, il possesso di determinate conoscenze e competenze. È in atto un progressivo depotenziamento del titolo di studio attraverso le varie riforme universitarie che diminuiscono il controllo statale sui corsi universitari, definiti ad oggi per il 40% dagli atenei. Aumentando in questo modo la diversità e la competizione tra università si sta creando un terreno fertile per una futura abolizione. Tuttavia il percorso non è semplice. Se si vuole abolire il valore legale del titolo di studio, si dovrebbe eliminare anche l'esame di Stato, passaggio obbligato previsto nella nostra Costituzione per esercitare una professione per le categorie protette come medici, ingegneri, avvocati ecc. È una strada molto delicata. Ritengo che siano davvero pochi coloro che vogliono liberalizzare totalmente, affidando ad enti esterni certificatori l'idoneità professionale. Credo, infine, che si procederà a piccoli passi, cercando di ottenere analoghi risultati senza stravolgere l'attuale assetto normativo"
Sulla questione del valore legale dei titolo di studio vedi anche il dossier nel numero 112 di Universitas e l'articolo di Livio Frittella pubblicato su questo sito.
 
D.G.


(F
Idee di Università
Universitas Reviews
Iscriviti alla newsletter
QUADERNI
27. Lo Spazio Europeo dell'Istruzione Superiore. Verso il 2020
Cimea
Universitas per iPhone e iPad
In merito al talento
Tag
Più valore al futuro
 
 
 
Viale XXI Aprile 36, 00162 Roma - universitas@fondazionerui.it - rivistauniversitas.it
CODICE ISSN: 2283-9119

Web Consulting: ATG